Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Paola Ferrari a favore dell’azione di Trump in Iran: “Finalmente qualcuno con le p***e”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 5 Gen. 2020 alle 13:15
3.3k
Immagine di copertina
Il presidente Usa Donald Trump, la giornalista sportiva Paola Ferrari e il generale iraniano Qassem Soleimani.

Usa-Iran, Paola Ferrari appoggia l’azione di Trump

Sale la tensione tra Usa e Iran dopo il raid ordinato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump sull’aeroporto di Baghdad in cui è stato ucciso il potente generale iraniano Qassem Soleimani, e la giornalista sportiva Paola Ferrari ha voluto dire la sua sulla delicata questione internazionale.

Lo ha fatto commentando un tweet di Mario Calabresi. L’ex direttore di Repubblica ha scritto: “Che vecchia e terribile sensazione, un presidente che in un anno elettorale, mentre è accusato di tradimento, alza la posta, scatena l’inferno e twitta la bandiera a stelle e strisce. Qualcuno spiegherà che è così che si fa, per me è follia”. E Paola Ferrari è intervenuta nella discussione scrivendo: “Grande azione dell’intelligence americana contro un loro nemico giurato. Finalmente qualcuno con le palle. Ne avessimo anche noi invece politicamente corretti capaci solo di subire e criticare”.

Paola Ferrari si è insomma schierata a favore dell’azione di Trump in Iran, lasciando attoniti gli utenti del social network che si sono subito affrettati a commentare il tweet della giornalista sportiva criticandone la posizione.

paola ferrari trump iran

Secondo alcuni la Ferrari non avrebbe le competenze e l’autorevolezza per potersi esprimere su questioni così complesse e delicate. Altri l’hanno definita “sovranista della rete”. Un utente ha scritto anche: “Codice alla mano, nella prima frase si ravvisa un’apologia di reato, in particolare di omicidio e strage, nella seconda un’istigazione a delinquere”, ipotizzando che potrebbero esserci gli estremi per un procedimento legale nelle parole della giornalista Rai de La domenica sportiva e 90° minuto .

“La vedo pronta a partire imbracciando il fucile!!! Freni il suo ardore, in guerra niente manicure, parrucchiere, punturine varie. Ma poi, ha pensato a quella orribile e informe tuta mimetica? Sarà meglio il tessuto ‘desertico’ o il ‘vegetato’? Quale le donerà di più?”, commenta un altro. “Moschetto in una mano, pennellino dell’eye liner nell’altro e chirurgo plastico al seguito per ritocchini da scheggia di granata… Gente con le palle marmorizzate”, ironizza un utente.

Paola Ferrari si era già espressa a favore di Trump in passato. Tempo fa dichiarò: “È sempre stato un gentleman, mai marpione. Ho incontrato molti politici italiani più arroganti di lui”.

Leggi anche:

Terza gaffe di Diletta Leotta: la collega Paola Ferrari la irride pubblicamente

Crisi Usa-Iran, le alleanze sul campo: chi sta con chi. E l’Italia?

Iran, a Qom issata la bandiera rossa. L’esperta: “Simbolo che precede la battaglia”

Usa-Iran: dobbiamo aspettarci una guerra ora?

L’uccisione di Soleimani è un calcolo elettorale di Trump: ora si rischia davvero una guerra Usa-Iran (di G. Gramaglia)

Altro che guerra al terrore: Trump utilizza l’Iran per vincere le elezioni (di L. Telese)

Alta tensione Iran-Usa, le conseguenze in Medio Oriente dopo il raid che ha ucciso il generale Soleimani

Crisi Usa-Iran: quali sono i rischi per i militari italiani che si trovano in Iraq

Iran, il generale Esmail Qaani nominato successore di Soleimani alla guida delle forze speciali Al Quds

Crisi Usa-Iran, Stati Uniti pronti a mandare soldati in Libano dalla base di Vicenza in Italia

Morte Soleimani, Kata’ib Hezbollah recluta volontari su Telegram per operazioni di martirio

3.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.