Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

Michelle Hunziker: “Striscia la Notizia? Una benedizione. Il caso Botteri? Indegna gazzarra su un falso”

Di Redazione TPI
Pubblicato il 21 Mag. 2020 alle 19:12 Aggiornato il 21 Mag. 2020 alle 19:24
37
Immagine di copertina

Michelle Hunziker: Striscia la Notizia, Giovanna Botteri e il marito Tomaso Trussardi

La conduttrice di Striscia la Notizia Michelle Hunziker ha rilasciato un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni in cui ha parlato del suo lavoro, del caso Giovanna Botteri e del suo rapporto con il marito durante la quarantena per l’emergenza Coronavirus e non solo.

“Striscia la Notizia durante la quarantena? Mi sento benedetta. Ogni volta che ci vediamo con Gerry, ci abbracciamo “col pensiero”, mantenendo la giusta distanza, e siamo grati di fare “Striscia” e sapere che così stiamo facendo un servizio importante – le sue parole -. Portare leggerezza nelle case dove c’è disperazione è una sensazione bellissima. E gli spettatori hanno dimostrato di apprezzare il nostro impegno”.

Michelle Hunziker ha poi svelato che le puntate di Striscia la Notizia in questo periodo sono registrate registrate: “Per la nostra salute e quella degli altri, abbiamo deciso di andare a Cologno Monzese solo due volte la settimana: lunedì e mercoledì registriamo tre puntate alla volta. Ma facciamo sempre anche qualche lancio “neutro” per un servizio che magari verrà aggiunto in seguito, perché Antonio Ricci ci tiene che “Striscia” sia all’insegna dell’attualità”. Registrazioni che dureranno poco: “Forse già da lunedì prossimo torneremo in diretta tutti i giorni. Ma cambierà comunque poco perché tra me, Gerry e gli operatori, in studio saremo una decina di persone. Gli autori non li vediamo mai e Ricci scende giusto per un saluto a distanza”.

La Hunziker è poi tornata sul putiferio scoppiato per un servizio sulla giornalista del TG1, Giovanna Botteri: “Una storia surreale e vergognosa. La maggioranza di quelli che ci ha accusato di aver offeso Giovanna non aveva neppure visto il servizio e questo la dice lunga sulla loro malafede – ha detto Michelle -. Hanno montato un’indegna gazzarra su un falso. Noi prendevamo le difese della Botteri, vittima degli odiatori seriali, e loro ci hanno accusati di averla offesa. Oggi sorrido perché con Giovanna ci siamo parlate e fatte delle belle risate. È una battaglia vinta, ma non è stata piacevole. Perché per quel servizio hanno attaccato “Striscia”, me e mia figlia insultandoci pesantemente. Alla fine è bastato che Giovanna Botteri avesse modo di vedere personalmente il video per smentire lei stessa la fake news che aveva scatenato le ire e gli insulti di giornalisti, commentatori e tanti “leoni da tastiera”. L’assurdo è che per difendere una donna, che oltretutto non ha mai voluto essere difesa, ne hanno massacrata un’altra e la sua famiglia”.

“Io, che ho la pellaccia dura, sono stata malissimo due giorni – ha aggiunto -. Chi non ha difese come me e viene massacrato così come fa? Il cyberbullismo è pericoloso. Infatti, con l’avvocato Giulia Buongiorno stiamo verificando se possiamo proporre un disegno di legge per mettere un filtro agli insulti. Ancora non si possono denunciare gli “haters”, gli odiatori, perché su Instagram fanno quello che vogliono e non si può risalire alla loro identità”.

Infine una battuta sul marito Tomaso Trussardi: “Lui è molto concentrato a salvare la sua azienda. Combatte come tutti, ha un ruolo che gli impedisce di farsi vedere nei nostri video, ma è una persona molto divertente – le parole di Michelle Hunziker -. Abbiamo vissuto una quarantena serena e, come mi sta suggerendo lui in questo momento, sicuramente non divorzieremo (ride, ndr). Questo periodo ci ha obbligati a confrontarci, a stare assieme 24 ore al giorno e abbiamo scoperto cose belle e nuove di noi. Abbiamo iniziato anche a vedere assieme le serie tv, mentre prima era impossibile perché arrivavamo a casa distrutti. Sono il nostro appuntamento serale”.

37
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.