Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

“Rinascerò, rinascerai”: la canzone degli ex Pooh Facchinetti e D’Orazio per Bergamo

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 26 Mar. 2020 alle 16:53 Aggiornato il 26 Mar. 2020 alle 17:04
168
Immagine di copertina
Stefano D'Orazio e Roby Facchinetti

Coronavirus, la canzone di Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio per Bergamo

Rinascerò, rinascerai. Si chiama così la canzone scritta da Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio, due ex Pooh, “ispirata” dalla terribile emergenza Coronavirus che sta colpendo Bergamo (città natale di Facchinetti) e il resto dell’Italia. I proventi delle vendite saranno devoluti all’ospedale bergamasco Papa Giovanni XXIII, e così sarà anche per tutti i diritti, d’autore e di edizione.

“Roby mi ha chiamato alla fine della scorsa settimana – ha raccontato Stefano D’Orazio a La Repubblica -, lui sta nell’occhio del ciclone, aveva visto come tutti in televisione le immagini della colonna di camion militari che portavano via le bare delle vittime del virus. Aveva trascorso ore al telefono cercando di consolare amici e parenti, molte delle vittime le conosceva personalmente, in tanti altri casi si trattava di familiari di suoi amici, Bergamo non è poi così grande, ci si conosce un po’ tutti. Mi ha detto che quella notte gli era venuta questa musica e quando mi ha proposto di scrivere il testo non me lo sono fatto ripetere, ho detto subito che mi ci sarei messo al lavoro”.

D’Orazio, che vive a Roma, ma ha il cuore e la testa a Bergamo falcidiata dal Coronavirus: “Sono venuto via prima della catastrofe, qui ero e qui sono rimasto, ma Bergamo è la mia seconda casa, mi ha adottato e mi ha accolto, mi ha fatto vivere nel miglior modo possibile il mio lavoro, mi sono fatto altri amici lontano da casa per merito e per colpa del mio lavoro: è la mia seconda città anche se ora ci vado raramente”.

Oltre alla canzone c’è anche un video per Rinascerò, rinascerai realizzato a tempo di record con le foto di medici e infermieri, dei giocatori della squadra di calcio, e un Iban al quale si può donare per l’ospedale Giovanni XXIII. Canzoni e video sono nati on line, scambiando i file attraverso la rete, ognuno ha registrato a casa sua le parti poi unite insieme.

Il testo di Rinascerò, rinascerai

Alcune strofe del testo di “Rinascerò, rinascerai”, scritto da Stefano D’Orazio su musica di Roby Facchinetti: “Rinascerò, rinascerai, quando tutto sarà finito, torneremo a riveder le stelle. La tempesta che ci travolge ci piega ma non ci spezzerà, siamo nati per combattere la sorte, ma ogni volta abbiamo sempre vinto noi, questi giorni cambieranno i nostri giorni ma stavolta impareremo un po’ di più”.

“Rinascerò, rinascerai, abbracciati da cieli grandi, torneremo a fidarci di Dio, nel silenzio si respira un’aria nuova ma mi fa paura questa mia città, siamo nati per combattere la sorte ma ogni volta abbiamo sempre vinto noi”.

Leggi anche:

1. Coronavirus, la polizia diffonde un vademecum: come comportarsi per non subire sanzioni 2. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata

168
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.