Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

Franco Battiato, le canzoni più belle

Immagine di copertina

Franco Battiato canzoni, le più belle e famose del cantautore siciliano

Franco Battiato, morto oggi – 18 maggio – all’età di 76 anni, ci lascia un patrimonio di canzoni straordinarie, che hanno fatto la storia della musica italiana e resteranno per sempre. Capace di spaziare come pochi tra generi diversissimi, ha sperimentato l’elettronica, si è misurato con la musica etnica e con l’opera lirica. Da La cura a Voglio vederti danzare, da L’era del cinghiale bianco a Bandiera bianca, passando per Cuccurucucù e Centro di gravità permanente, sono tante le canzoni di Battiato che non dimenticheremo. Ecco una selezione delle più belle e famose da ascoltare e riascoltare nel giorno in cui la musica italiana è in lutto per la perdita di un grande artista.

La cura

Considerata da molti una delle canzoni d’amore più belle mai scritte, se non la più bella in assoluto, questo brano del 1996, contenuto nell’album “L’imboscata”, è uno dei tanti scritti in collaborazione con il filosofo Manlio Sgalambro. Al centro il tema del potere curativo della musica e dell’amore. È stata reinterpretata da numerosi altri cantanti.

 Centro di gravità permanente

Uno degli album più iconici della produzione di Franco Battiato, nonché uno dei più significativi di tutto il Novecento, è sicuramente La voce del padrone. Al suo interno questo brano, con il quale il cantautore parla della sensazione di smarrimento che lo attraversa e della necessità di trovare un punto stabile.

Franco Battiato canzoni: L’era del cinghiale bianco

L’album omonimo, del 1979, segna una svolta nella carriera di Battiato, dopo gli inizi in cui si dedica prevalentemente alla musica sperimentale, con l’avvicinamento alla cosiddetta new wave. In questo pezzo, tra i suoi cavalli di battaglia, diversi riferimenti a mondi da lui molto amati come la mitologia e la magia.

Bandiera bianca

Altro pezzo indimenticabile tratto da La voce del padrone è Bandiera bianca.  Una critica alla società del periodo, con riferimenti alla politica, al terrorismo e alla dipendenza dal denaro.

Cuccurucucù

“Cuccurucucù paloma, ahi ahi ahi ahi ahi cantava”: un brano con cui Battiato fece ballare l’Italia. Il riferimento del titolo è al successo di Caetano Veloso “Cuccurucucù paloma”.

Voglio vederti danzare

Traccia contenuta nell’album  “L’arca di Noè”, del 1982. Ebbe un successo addirittura inaspettato e tantissimi riconoscimenti e rifacimenti da parte di altri artisti. Tra cui più di recente la versione dance a opera del dj italiano Prezioso, con il featuring di Marvin. Indimenticabile il valzer viennese nel finale.

E ti vengo a cercare

Brano dell’album del 1988, “Fisiognomica”, con cui Battiato torna a uno stile più intimo, dopo le esperienze più commerciali degli anni precedenti. Nel brano si alternano due linee: una mistica e più spirituale e una più terrena e materiale.

Franco Battiato canzoni: La stagione dell’amore

Dall’album “Orizzonti perduti”, del 1983, è una delle canzoni più famose della ricca produzione di Battiato. Tra i temi del brano il tempo e il fatto che tutto, anche le relazioni umane, siano condizionate da questo fattore.

Povera patria

Arriviamo agli anni Novanta, precisamente al 1991, con l’album “Come un cammello in una grondaia”, che rappresenta una svolta nella sua carriera. Con questo album infatti Battiato prova ad avvicinare la musica leggera a quella classica. Povera Patria è un’accorata invettiva ancora oggi di grande attualità.

Up patriots to arms

Un’altra attenta analisi della società odierna viene da questo brano del 1980: “La fantasia dei popoli che è giunta fino a noi non viene dalle stelle”. Quando la realtà è molto più semplice dell’immaginazione.

Franco Battiato canzoni: Prospettiva Nevskij

Tratta dall’album Patriots del 1980, con questa canzone il Maestro ci porta in Unione Sovietica e precisamente a San Pietroburgo-Leningrado, nella via principale della città. Un brano ricco di politica e riferimenti alti alla musica classica e al cinema.

Leggi anche: 1. Le frasi più belle di Battiato / 2. Franco Battiato, tutta la verità sulla malattia e sul nuovo album raccontata dal fratello Michele

Ti potrebbe interessare
Musica / La crisi di Bono Vox: “Le canzoni degli U2 mi imbarazzano. Il nome della band? Mai piaciuto”
Musica / Luca Maris su MTV Germany
Musica / Nuovo record per i Maneskin: sono gli italiani più ascoltati al mondo
Ti potrebbe interessare
Musica / La crisi di Bono Vox: “Le canzoni degli U2 mi imbarazzano. Il nome della band? Mai piaciuto”
Musica / Luca Maris su MTV Germany
Musica / Nuovo record per i Maneskin: sono gli italiani più ascoltati al mondo
Musica / I Maneskin aprono il concerto dei Rolling Stones e infiammano Las Vegas
Musica / Fedez, spopola il video “Morire, morire” in cui viene pestato da fascisti e pugnalato da un prete
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”