Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

“Quello che vorrei”, la nuova canzone degli Easy Funk che denuncia l’emergenza climatica

Immagine di copertina

Quello che vorrei" il loro nuovo singolo che denuncia le attuali condizioni climatiche, affrontando le tematiche del surriscaldamento globale, dell'inquinamento, dell'inciviltà, della guerra per l'oro nero e dell'oppressione operata dai poteri regnanti quali la politica e la religione

Easy Funk: “Quello che vorrei”, il nuovo singolo che denuncia le condizioni climatiche

Quello che vorrei” è il nuovo singolo degli Easy Funk che, dal 13 settembre è in radio e disponibile su tutte le piattaforme digitali e negli store.

Un brano che, con un sound elettro funk, denuncia le attuali condizioni climatiche, tema per altro molto caro e molto enfatizzato dai media negli ultimi tempi grazie alla giovane Greta Thunberg.

In “Quello che vorrei” vengono trattate le tematiche del surriscaldamento globale, dell’inquinamento, dell’inciviltà, della guerra per l’oro nero e dell’oppressione operata dai poteri regnanti quali la politica e la religione.

Il brano, accompagnato da un videoclip firmato da Leoluca Iacoviello, illustra, con gli occhi di bambino, lo scenario descritto nel testo della canzone.

“Abbiamo scelto di volgere in musica la tematica delle attuali condizioni climatiche perché è un argomento che ci sta molto a cuore” commenta il collettivo “la viviamo tutti i giorni da vicino e riguarda tutti, nessuno escluso”.

Per quanto riguarda il videoclip, invece, Iacoviello commenta “Nonostante venga rappresentato uno scenario apocalittico, alla fine si intravede un messaggio di speranza. Resta in ogni caso una grande e sola domanda ancora oggi senza risposta: che mondo lasciamo ai nostri figli?”.

La band

Easy Funk  è un gruppo pugliese di Mola di Bari (BA) composto da Zekka, Meta, Gia Young e Leontino Gobest e in alcuni casi vede la collaborazione (come in questo singolo) di Savina Vitobello in arte Sabreetha.

I componenti provengono da un percorso artistico da solisti, ricco di collaborazioni e partecipazioni in diversi progetti nazionali e internazionali, durante i quali hanno acquisito un’esperienza decennale in ambito musicale che li ha portati dagli studi ai palchi e alle radio del Sud Italia.

Nel 2015 decidono di canalizzare le loro energie in un unico progetto che unisce il Rap e il Reggae al Funk e all’Elettronica, prendendo il nome Easy Funk dove “Easy” rappresenta il mood con il quale hanno deciso di approcciarsi alla musica ma soprattutto alla vita e “Funk” è il genere che li ha uniti per la prima volta su una composizione di Leontino Gobest, nel brano Con Noi. Dopo vari singoli con Sheewa Records (Miami), nel 2017 decidono di partecipare al Gazzetta Music Contest vincendolo e conquistando sia il pubblico che i membri della giuria, tra i quali Francesco Sarcina, frontman de Le Vibrazioni.

Questa vittoria li porta alla realizzazione del loro primo e omonimo album ufficiale pubblicato da Azzurra Music. L’uscita dell’album Easy Funk, nella primavera del 2018, è stata anticipata dal singolo Don’t Stop il cui video ha raggiunto ad oggi 360mila visualizzazioni.

Nell’agosto dello stesso anno gli Easy Funk realizzano il video di Rugiada, ultima traccia dell’album. Sempre pronti a nuove sfide, nel novembre del 2018 gli Easy Funk portano il brano Lobotomia nel contest di Sanremo Giovani, entrando nella rosa dei finalisti che parteciperanno alla kermesse anticamera del Festival di Sanremo.

Lobotomia esce quindi come singolo in streaming e nelle radio a fine novembre 2018 riscuotendo un buon consenso e allargando la platea del pubblico del collettivo che consolida la sua base di fan.

Oggi gli Easy Funk presentano al pubblico “Quello che vorrei” mantenendo il loro stile unico che raccoglie diverse influenze e sfumature sonore, mantenendo una felice impronta elettro funk, contaminata da influenze reggae, un sound coinvolgente sorretto da testi ben concepiti che rinforzano l’impatto delle canzoni. Un abile mix in italiano tra Calvin Harris, Daft Punk, Cosmo e Caparezza.

Ti potrebbe interessare
Musica / Maneskin, le foto dei genitori di Damiano David svelano a chi somiglia davvero
Musica / L’ultima poesia di Michele Merlo: i genitori diffondono un videomessaggio in suo ricordo
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Ti potrebbe interessare
Musica / Maneskin, le foto dei genitori di Damiano David svelano a chi somiglia davvero
Musica / L’ultima poesia di Michele Merlo: i genitori diffondono un videomessaggio in suo ricordo
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Musica / Il New York Times si chiede se i Maneskin possono conquistare il mondo
Musica / Orietta Berti: “Fedez dolcissimo, Achille canta da romano annoiato ma è molto elegante”
Musica / Loredana Bertè: “Io, violentata a 16 anni in un appartamento scannatoio: mi ha riempita di botte”
Musica / Morandi canta il nuovo singolo di Jovanotti. La domanda è: caro Gianni, perché l’hai fatto?
Musica / È morto Michele Merlo: l’ex concorrente di “Amici” aveva 28 anni
Musica / I Maneskin dicono addio alla storica manager: “Avete deciso di proseguire da soli, ho il cuore spezzato”
Musica / Bugo riaccende la polemica: "Carciofi nel c**o agli ebeti da social"