Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Donatella Rettore: “Lucio Dalla convinse mamma a mandarmi in tournée dicendo: ‘Deve solo cantare, non fare la troia’”

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 20 Gen. 2020 alle 09:34
5
Immagine di copertina

Donatella Rettore: “Lucio Dalla convinse mamma a mandarmi in tournée dicendo: ‘Deve solo cantare, non fare la troia’”

“Signora deve solo cantare, non fare la troia”. Con queste parole Lucio Dalla convinse la madre di Donatella Rettore a mandarla in tournée con lui. La donna, infatti, aveva dei dubbi sull’opportunità di lasciare partire la figlia. A raccontare l’episodio è la stessa cantante in un’intervista pubblicata sul Fatto quotidiano

“Non avevo una lira e lui mi coinvolse nei concerti in Veneto e riuscì a togliere i dubbi a mia madre con una frase lapidaria: Signora deve solo cantare, non fare la troia”, racconta la Rettore. La madre rispose: “È già piena di grilli per la testa”. E Dalla a quel punto disse: “Risolviamo così: sua figlia canta e lei va a dire un paio di preghiere”.

Fu grazie a Dalla quindi se Donatella Rettore avviò la sua carriera, che l’ha portata al successo con brani come Splendido splendente, KobraLamette.

Sul cantautore bolognese, Rettore ricorda anche: “Sono stata l’unica donna che ha amato, ma solo perché mi considerava un maschiaccio”.

Parlando del rapporto con il marito, la cantante veneta racconta: “Siamo sposati dal 2005, ma ci conosciamo dal 1977. Però dai primi anni Novanta non ci siamo più concessi le nostre innocenti evasioni. Colpa dell’ Aids”. A volte, la coppia confessava queste “evasioni”.

“In assoluto è sempre meglio tacere, ma un tempo c’erano i paparazzi, quelli veri e bravi, e dovevi alzare le mani davanti alla verità”, dice oggi la Rettore.

Leggi anche:

Niccolò Fabi critica Sanremo: “È solo un soffritto televisivo”

5
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.