Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli

Ddl Zan, Elodie contro il Vaticano: “Per fortuna i miei genitori non mi hanno battezzata”

Immagine di copertina
Elodie. Credit: Instagram

La cantante prende posizione dopo la richiesta del Vaticano sulle modifiche alla legge contro l’omotransfobia

Oggi un ringraziamento speciale va ai miei genitori che non mi hanno battezzata. Grazie”. Elodie prende posizione in relazione alla vicenda del Ddl Zan, dopo le notizie secondo cui il Vaticano ha chiesto di modificare il provvedimento. La cantante, già in passato, aveva difeso l’approvazione della legge Zan contro l’omofobia. Ma anche sul no della Chiesa alle unioni gay, in quell’occasione Elodie aveva affermato: “Per fortuna la gente continuerà ad amarsi pur non avendo la ‘benedizione’ del Vaticano“.

Il nodo tra Chiesa e ddl Zan

Il Vaticano ha chiesto, con una nota ufficiale di monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati, di modificare il disegno di legge Zan contro l’omotransfobia perché, in alcuni suoi passaggi, la proposta di legge violerebbe il Concordato fra Stato e Chiesa sancito dai Patti Lateranensi del 1929 e revisionato nel 1984. Il documento è stato consegnato al gabinetto del ministro degli Esteri Luigi Di Maio lo scorso 17 giugno e rischia di aprire un vero e proprio scontro diplomatico. “Non c’è la volontà di bloccare la legge, ma una richiesta di rimodulazione per consentire alla Chiesa di esercitare la libertà pastorale, educativa e sociale”, hanno fatto sapere in tarda mattinata fonti vaticane citate dall’agenzia Agi.

Come spiega Giovanni Viafora sul Corriere della Sera, si tratta di una mossa che “non ha precedenti noti nella storia dei rapporti fra Santa Sede e Stato italiano” e che potrebbe portare all’attivazione della commissione paritetica prevista dal Concordato. Finora non era mai accaduto che il Vaticano intervenisse per contestare una legge ancora da approvare, esercitando le facoltà previste dai Patti Lateranensi.

Leggi anche: Ddl Zan, Fedez: “Il Vaticano non paga le tasse immobiliari e accusa l’Italia di violare il Concordato”

Ti potrebbe interessare
TV / Quarta Repubblica: ospiti e anticipazioni stasera, 16 maggio 2022
TV / Chi era Antonio Maglio, il medico interpretato da Flavio Insinna in A muso duro
TV / Isola dei Famosi 2022: le anticipazioni sulla puntata di oggi, 16 maggio
Ti potrebbe interessare
TV / Quarta Repubblica: ospiti e anticipazioni stasera, 16 maggio 2022
TV / Chi era Antonio Maglio, il medico interpretato da Flavio Insinna in A muso duro
TV / Isola dei Famosi 2022: le anticipazioni sulla puntata di oggi, 16 maggio
TV / A muso duro: quante puntate, durata e quando finisce
TV / A muso duro: la trama (storia vera) del film su Antonio Maglio (Flavio Insinna)
TV / A muso duro: il cast (attori) della fiction con Flavio Insinna
TV / A muso duro streaming e diretta tv: dove vedere il film-tv con Flavio Insinna
TV / Made in Sud 2022, anticipazioni (cast, conduttori e comici) della quinta puntata
TV / Ghostbusters – Legacy: trama, cast, trailer e streaming del film su Sky Cinema
TV / A che ora inizia A muso duro: l’orario della messa in onda su Rai 1