Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Cinema

Woody Allen: “Potrei smettere di fare film, ho 84 anni e presto sarò morto”

Immagine di copertina

Woody Allen: “Potrei smettere di fare film, ho 84 anni e presto sarò morto”

L’emergenza Coronavirus ha bloccato molte produzioni cinematografiche e messo in ginocchio l’interno settore degli spettacoli. Una delle conseguenze della pandemia potrebbe essere quella che Woody Allen, regista a dir poco prolifico, smetta di girare. Fino a qualche mese fa giurava: “Quando morirò sarà sul set di un film”, ma adesso, complice il Covid-19, sembra aver cambiato idea.

In un’intervista al Financial Times ha infatti raccontato: “Le persone ormai pensano: “Stare a casa non è così male, ceno poi mi guardo un film in tv”. Ma io non voglio fare film per i piccoli schermi, perciò potrei smettere di girarli”. L’idea di realizzare pellicole per la tv proprio non lo entusiasma, e allora meglio fermarsi.

“Non so quante sale cinematografiche potranno riaprire”, aggiunge Allen, che infatti vedrà il suo ultimo lavoro, Un giorno di pioggia a New York, disponibile dal 5 giugno sulle piattaforme streaming. “Ho 84 anni, presto sarò morto. Anche se scrivessi la migliore sceneggiatura del mondo, potrebbe non esserci nessuno a produrla: che incentivo avrei a continuare? Ero solito finire un copione, farlo ricopiare al pc, consegnarlo al mio produttore, formare il cast e girare. L’ ho fatto per anni: un processo semplice. Ma adesso non funziona più”.

La quarantena sembra anche aver atrofizzato la vena creativa del regista: “Non faccio niente tutto il giorno, aspettando che il Coronavirus passi. Il massimo che posso fare è stare nella mia stanza a studiare un vaccino ma non illudetevi che riesca a trovarlo”. Eppure Woody Allen ha già in cantiere il suo prossimo film, il 49esimo della sua prolifica carriera, Rifkin’ s Festival. La premiere sarebbe dovuta essere al Festival di Cannes, ma slitterà al prossimo autunno.

Il regista ha anche raccontato di aver perso a causa del virus un membro della sua band, Eddie Davis: “Suonavo con Eddie tutti i lunedì sera,
e due settimane dopo l`ultima volta lui se n`è andato. Era un uomo meraviglioso, siamo tutti devastati da questa perdita. Chissà se torneremo mai a suonare insieme”.

Leggi anche: 1. Manhattan di Woody Allen compie 40 anni: ecco perché dovremmo (ri)guardarlo / 2. “Feci sesso con Woody Allen, avevo 16 anni e lo sapeva”: rivelazione shock di un’ex modella

Ti potrebbe interessare
Cinema / Il Cinema in Piazza: il programma della settima edizione della rassegna curata dall’Associazione Piccolo America
Cinema / Nanni Moretti si prepara a Cannes e canta “Soldi” di Mahmood | VIDEO
Cinema / “Bravo papà”: il commovente discorso ai David della figlia di Mattia Torre
Ti potrebbe interessare
Cinema / Il Cinema in Piazza: il programma della settima edizione della rassegna curata dall’Associazione Piccolo America
Cinema / Nanni Moretti si prepara a Cannes e canta “Soldi” di Mahmood | VIDEO
Cinema / “Bravo papà”: il commovente discorso ai David della figlia di Mattia Torre
Cinema / Polemica ai Golden Globe: Tom Cruise restituisce i 3 premi vinti
Cinema / Serie e film: cosa vedere questo weekend in tv. I consigli del regista
Cinema / La Vacinada, il nuovo tormentone di Checco Zalone con l’attrice Helen Mirren | VIDEO
Cinema / La Cina cancella la vittoria di Zhao agli Oscar: la stampa non dà la notizia, social censurati
Cinema / Nomadland, di cosa parla il film pluripremiato agli Oscar 2021
Cinema / Chloé Zhao fa la storia: è la prima donna asiatica a vincere l'Oscar
Cinema / Quel velo tra perbenismo e trasgressione che ci ha accompagnato al cinema per anni