Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Chris D’Elia, il comico pedofilo della serie “You” è accusato (nella realtà) di aver adescato minorenni

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 17 Giu. 2020 alle 12:52 Aggiornato il 17 Giu. 2020 alle 13:16
509
Immagine di copertina

Chris D’Elia, l’attore di You accusato di aver adescato minori

Chris D’Elia, l’attore della serie televisiva You di Netfilx, è stato accusato di adescamento di minori su Internet e di aver tentato di indurre le ragazze a inviargli materiale pedopornografico.

In You, la serie di Netflix, D’Elia ha interpretato il ruolo di un comico pedofilo, Henderson, accusato di aver drogato e molestato diverse donne: Henderson conservava delle fotografie, che scattava e poi nascondeva come “trofeo”. Nella vita reale, l’attore ha ricevuto le stesse identiche accuse, ma via twitter: una donna di nome Simone Rossi ha condiviso uno screenshot delle sue presunte interazioni con l’attore e lo ha accusato di adescamento online.

Chris D’Elia in You interpreta Henderson

“Immagina di avere 16 anni e di essere adescata da un comico che ha il doppio della tua età e l’unica ragione per cui non vi siete mai incontrati e non hai subito molestie fisiche è perché hai già un ragazzo della tua età”. Il tweet della ragazza è diventato virale, tante altre donne hanno deciso di farsi avanti sostenendo le accuse nei confronti dell’attore. Un’altra donna ha twittato: “È spazzatura” riferendosi a Chris D’Elia. “Mi ha inserito nella lista di un locale per poter vedere una sua esibizione dal vivo e ha detto che avrei potuto raggiungerlo nella sua macchina dietro l’edificio, proponendomi sesso orale. Ho inventato una scusa e non mi sono presentata”.

Chris D’Elia accusato di adescamento di minori via social: le testimonianze

Un’altra ancora ha scritto: “Fo****i D’Elia. Hai provato a estorcere nudi di minori mentre eri a Vancouver, hai provato ad andare a letto con la mia amica quando eravamo soltanto sedicenni”. L’account Twitter SheRatesDogs, come riporta The Independent, in genere condivide storie anonime di donne che hanno avuto terribili esperienze con gli uomini e ha spiegato in un post twitter di aver ricevuto, nel corso degli anni, tante storie su D’Elia.

Per questo, l’account ha iniziato a condividere storie di donne (senza nome) le quali sostenevano che D’Elia le avesse molestate o aggredite sessualmente. Altre invece hanno spiegato che l’attore ha provato a ottenere immagini di nudo da minori, in alcuni casi ha anche minacciato di rendere il materiale poi pubblico.

Anche l’attrice comica Emma Arnold ha spiegato via twitter di essere stata messa in guardia proprio dagli amici di D’Elia. “Quand’ero ancora agli inizi della mia carriera, il miglior amico di D’Elia mi disse di non inviare mai nudi a Chris perché li avrebbe trasformati in meme e poi mostrati ai suoi colleghi maschi durante gli spettacoli. Sembra che alcuni di questi meme riguardassero probabilmente ragazze minorenni”.

Chris D’Elia non ha ancora risposto alle accuse.

Leggi anche:

1. You, la seconda stagione della serie tv arriva il 26 dicembre su Netflix / 2. Molestie, il produttore Harvey Weinstein condannato a 23 anni di carcere

509
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.