Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Asia Argento stasera a Live – Non è la D’Urso: parlerà del caso Weinstein?

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 27 Mar. 2019 alle 13:23
0
Immagine di copertina

Torna questa sera, con il suo terzo appuntamento, una nuova puntata di Live – Non è la D’Urso, il nuovo programma di Canale 5 condotto da Barbara D’Urso. Come ogni settimana, sono tanti gli ospiti attesi in studio, ma tra quelli di stasera spicca sicuramente il nome di Asia Argento.

Nell’ultimo anno e mezzo l’attrice e regista italiana è stata coinvolta in due diversi scandali: a fine 2017, infatti, fu una delle prime attrici a denunciare Harvey Weinstein, uno dei più influenti produttori cinematografici americani accusato da decine di donne di molestie e aggressioni sessuali.

Un anno dopo, però, proprio lei che era diventata una paladina del movimento femminile #MeToo era finita nell’occhio del ciclone dopo le accuse del giovane attore Jimmy Bennett, che ha denunciato di aver subito violenze sessuali da Asia Argento nel 2013, quando aveva solo 17 anni.

Questa sera, negli studi di Live – Non è la D’Urso, l’attrice sarà protagonista dell'”uno contro tutti”, uno dei cavalli di battaglia del nuovo programma di Canale 5, durante il quale l’ospite viene sommerso di domande scomode da cinque personalità presenti nelle cosiddette “sfere”.

C’è da aspettarsi che si ritorni dunque sui casi Weinstein e Bennett. Ma anche Fabrizio Corona, con cui la Argento ha avuto una breve ma chiacchieratissima storia, avrà da tremare.

Asia Argento Live Barbara D’Urso | Il caso Weinstein

Co-fondatore della Miramax e della Weinstein Company, Harvey Weinstein è uno dei più importanti produttori del cinema mondiale, con tantissime nomination agli Oscar per le sue pellicole e una grandissima fama. A ottobre 2017, però, i quotidiani New York Times The New Yorker iniziano a riportare le testimonianze di decine di donne, che affermano di aver subito molestie da Weinstein. Tra queste, figurano Rose McGowan, Ashley Judd e Asia Argento.

La figlia di Dario Argento, maestro del cinema horror nostrano, rivela di aver subito molestie nel 1997, quando aveva 21 anni, in una stanza d’albergo vuota in Francia, dove era stata attirata con la scusa di un invito a una festa della Miramax. Si scatena così un vero terremoto: decine e decine di altre attrici, tutte famosissime, trovano il coraggio di raccontare la loro storia.

Nasce così il movimento #MeToo, che racchiude tutte le donne che hanno subito molestie sessuali, che diventa “persona dell’anno 2017” per la rivista Time e monopolizza la discussione alla cerimonia degli Oscar 2018.

Asia Argento Live Barbara D’Urso | Il caso Bennett

Da paladina del #MeToo a principale accusata in un altro caso di molestie sessuali. In un anno la figura di Asia Argento ha subito un’incredibile parabola, a causa delle accuse di Jimmy Bennett, che afferma che l’attrice gli abbia versato dei soldi in cambio del suo silenzio per i rapporti sessuali avuti con il ragazzo nel 2013.

Argento in un primo momento nega di aver avuto rapporti sessuali con il ragazzo, che continua però ad accusare l’attrice di violenza sessuale e di avergli causato un forte scompenso emotivo che ha influenzato negativamente la sua carriera. Ospite a Non è l’Arena, su La 7, Asia Argento allora dà la sua versione dei fatti: sarebbe stato il ragazzo a saltarle addosso, per poi scattare un selfie con lei.

Nel frattempo viene fuori che Bennett, a sua volta, era stato accusato in passato (nel 2915) di molestie dalla sua ex ragazza. Le accuse nei confronti di Asia Argento però non si placano e scatenano anzi un’ondata di critiche e odio senza precedenti: Argento viene rimossa dai giudici di X-Factor e, a causa degli insulti, è costretta a disattivare anche il suo account Twitter.

Due vicende, quella di Weinstein e quella di Bennett, che hanno totalmente stravolto la vita di Asia Argento. Che questa sera su Canale 5, da Barbara D’Urso, avrà una nuova occasione di raccontare tutta la sua versione dei fatti.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.