Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Senza categoria

Il sindaco di Verona ha bandito Luigi Di Maio dalla città: “Non si faccia vedere al Vinitaly, merita il daspo”

Immagine di copertina

Il sindaco di Verona non vuole Luigi Di Maio al Vinitaly. Federico Sboarina, di Forza Italia, è ancora risentito per le parole che Di Maio e il M5s hanno rivolto al Congresso delle Famiglie, che si è svolto nella città Veneta alcuni giorni fa.

“Il vicepremier Di Maio ha detto che siamo fanatici e che siamo la destra degli sfigati: io gli rispondo che può anche fare a meno di venire a Verona al Vinitaly, a fare la sua passerella elettorale: se esistesse il Daspo urbano per le offese arrecate, lui a Verona lo rischierebbe”, ha detto Sboarina.

A replicare è il veronese Mattia Fantinati, sottosegretario M5s alla Pubblica amministrazione che dice a Sboarina di occuparsi della sua passione calcistica, “unico argomento che sembra risvegliarlo da un torpore a cui sta condannando tutta l’amministrazione comunale, mentre Verona è molto meglio del suo primo cittadino”.

Il ministro dello Sviluppo economico andrà in visita al Vinitaly, l’importante manifestazione dedicata al vino in programma dal 7 al 10 aprile 2019 a Verona.

Luigi Di Maio aveva preso posizione contro il Congresso delle Famiglie: “a Verona è una destra degli sfigati, se trattano così le donne…”, aveva detto.

Il vicepremier si era scagliato contro i “fanatici” che “affrontano il tema della famiglia con stile medievale e con odio”. E il sindaco ci ha tenuto a difendere la sua città insultata, contro quella che secondo lui è stata una macchina del fango.

Il M5s non placa le polemiche sul Congresso, già ampiamente criticato, sostenendo che l’evento è costato ai veronesi “la bellezza di 150mila euro”. Fantinati sostiene inoltre che il sindaco non può permettersi di diffidare un ministro dal partecipare a un evento pubblico di cui non è proprietario il sindaco.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI