Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

L’Etiopia pianterà 4 miliardi di alberi: il piano contro la deforestazione

Immagine di copertina
Credit: Michel Gunther/AFP

Etiopia pianta 4 miliardi alberi – L’Etiopia pianterà 4 miliardi di alberi per far fronte alla desertificazione del paese.

A dare l’annuncio è stato il primo ministro Abiy Ahmed Ali, che ha spiegato come l’obiettivo di questo piano nazionale sia quello di “trasformare i nostri ambienti degradati in ecosistemi funzionali”.

Il paese africano secoli fa era molto più verde di come appare adesso: nel solo Ventunesimo secolo la copertura forestale è scesa drammaticamente dal 40 al 4,6 per cento.

A causare il drastico aumento della deforestazione è stato in primo luogo l’incremento della popolazione, che ha comportato l’espansione delle città, lo sfruttamento del terreno per pascoli intensivi e l’abbattimento di alberi per ricavarne legna da ardere.

La deforestazione massiccia dell’Etiopia ha reso il paese africano vulnerabile a fenomeni come la desertificazione, la siccità e le alluvioni.

Il programma

La decisione di ripiantare 4 milioni di alberi fa parte del programma di sviluppo verde nazionale che prenderà il via durante la stagione delle piogge.

Il primo ministro in realtà ha già inaugurato il progetto piantando il primo albero.

L’Etiopia è una delle economie in più rapida crescita del mondo, ma il prezzo da pagare è alto: la rapida espansione dei settori dell’agricoltura, delle costruzioni e dei servizi hanno avuto un effetto negativo sull’ambiente.

Una devastazione che si riscontra anche nel numero degli animali morti, che nel 2017 ha superato le 2 milioni di unità.

Il piano del governo prevede anche l’eliminazione delle specie esotiche come l’eucalipto, importato dall’Australia dal 1890: la pianta era stata introdotta in Etiopia per la sua rapida crescita e perché utilizzabile come combustibile e materiali da costruzione.

La sua coltivazione però richiede grandi quantità di acqua, per cui la sua presenza su un terreno già danneggiato e affetto dalla desertificazione non migliora le condizione dell’ecosistema etiope.

L’invasione dei rifiuti elettronici: 9 milioni di tonnellate l’anno solo in Europa | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI