Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Vittorio Feltri rifiuta di candidarsi a sindaco di Milano: “Stipendio basso. E non sarei capace”

Immagine di copertina

“Non sarei capace di amministrare un condominio, figuriamoci un po’ Milano“. Così Vittorio Feltri si tira fuori dalla corsa a sindaco del capoluogo lombardo dopo le indiscrezioni su una sua possibile candidatura per il centrodestra. In un’intervista al Corriere della Sera, il direttore di Libero si dice “lusingato”, ma non dallo stipendio.

“Io non ho mai fatto una campagna elettorale in vita mia, non so come si faccia. E poi, oltre a fare la campagna, bisogna anche vincere le elezioni. E quando le vinci, lo stipendio lascia a desiderare”, ha spiegato Feltri. “La cosa mi solletica e anche mi lusinga”.

La scelta del candidato del centrodestra per la poltrona di sindaco di Milano sarà affidata alla Lega di Matteo Salvini dopo che Fratelli d’Italia, il partito guidato da Giorgia Meloni, ha indicato Enrico Michetti come candidato della coalizione a Roma per la corsa al Campidoglio.

Negli scorsi giorni, Salvini aveva annunciato la volontà di candidare a Palazzo Marino un esponente della società civile. A complicare la scelta del Carroccio è stato il passo indietro di Oscar di Montigny, considerato finora in pole position come possibile candidato del centrodestra contro il sindaco uscente del Partito Democratico, Beppe Sala. Così, il leader della Lega è volato in Lombardia per seguire direttamente la questione, incontrando “un imprenditore del mondo del sociale e un professore universitario“. Possibile la svolta nelle prossime ore.

Ti potrebbe interessare
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Ti potrebbe interessare
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali
Politica / Draghi, Renzi, Di Maio: le tre spine per Conte nuovo leader M5S
Politica / Ddl Zan, il piano di Renzi e Salvini per farlo approvare subito (ma alle loro condizioni)
Politica / La riforma della giustizia passa alla Camera: sì alla fiducia, anche M5s a favore
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere