Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

La vita di Rocco Casalino diventerà un film: venduti i diritti dell’autobiografia “Il Portavoce”

Immagine di copertina

La vita di Rocco Casalino sul grande schermo. Non è fantasia: l’ex portavoce di Giuseppe Conte avrà il suo momento di gloria anche al cinema dove, pare, verrà portata la storia tratta dal libro autobiografico “Il Portavoce”. Il gruppo Mondadori e l’esponente del Movimento 5 Stelle hanno firmato un accordo per la cessione dei diritti  del libro alla casa di produzione cinematografica Kubla Khan di Umberto Massa.

La notizia riportata dal Corriere della Sera arriva a pochi mesi di distanza dal lancio del libro, la cui copertina aveva fatto pensare a tutti ad un paragone con la nota serie televisiva “House of Cards”, il cui protagonista è stato Kevin Spacey.

Di cosa parla il libro

Casalino racconta gli anni dell’infanzia passata da emigrante a Rankenthal, in Germania, dove lo picchiavano, lo insultavano e la chiamavano “Casalino formaggino” o “mangia-spaghetti”. Oggi medita la rivincita, la rivalsa e spera proprio che quelle persone tornino a casa la sera, accendano la tv e lo vedano insieme ad Angela Merkel.

Casalino racconta di quel padre violento che picchiava e violentava la madre davanti a lui e alla sorella. E loro due che si chiudevano in bagno, l’unica stanza che si poteva chiudere a chiave, per sfuggire alla violenza del genitore. Un rapporto che ha segnato la sua vita e che oggi gli fa raccontare che andò a trovare il padre morente in ospedale. Ma solo per sussurrargli: “Muori. Devi morire”.

Durante gli anni salentini scopre il comunismo: aderisce a Rifondazione, i suoi idoli sono Che Guevara e Michele Santoro. Diventa poi ingegnere elettronico a Bologna ma trova lavoro in un call center. Poi la svolta con il Grande Fratello: partecipa alla prima edizione nel 2000 e riesce a rimanere nella Casa per 93 giorni su 100. Arrivano il successo e i soldi. Ma lui decide di provare a fare il giornalista in alcune tv locali, prima Telelombardia poi TeleNorba. Nel 2008 viene folgorato da Beppe Grillo al suo secondo Vaffa day e da quel momento sposa la fede cinquestelle. Il resto è storia.

Ti potrebbe interessare
Cinema / Amanda Knox contro Matt Damon: “Nel film Stillwater si lascia intendere che io sia un’assassina”
Cinema / Claudia Gerini: “Non ho fatto il vaccino, ho paura delle trombosi”
Cinema / “Terra Mia”: il docufilm di Ambrogio Crespi il 27 luglio a San Luca (Reggio Calabria)
Ti potrebbe interessare
Cinema / Amanda Knox contro Matt Damon: “Nel film Stillwater si lascia intendere che io sia un’assassina”
Cinema / Claudia Gerini: “Non ho fatto il vaccino, ho paura delle trombosi”
Cinema / “Terra Mia”: il docufilm di Ambrogio Crespi il 27 luglio a San Luca (Reggio Calabria)
Cinema / Gaffe di Spike Lee: svela in anticipo il nome del film vincitore
Cinema / Cannes, Titane di Julia Ducournau è la Palma d’oro. Standing ovation per Bellocchio
Cinema / Morto Libero De Rienzo: le cause della morte dell’attore
Cinema / Roma torna al 1978 per “Esterno notte”, il film di Bellocchio su Aldo Moro
Cinema / Il Cinema in Piazza: il programma della settima edizione della rassegna curata dall’Associazione Piccolo America
Cinema / Nanni Moretti si prepara a Cannes e canta “Soldi” di Mahmood | VIDEO
Cinema / “Bravo papà”: il commovente discorso ai David della figlia di Mattia Torre