Salvini insiste sul ragazzo del citofono: “Mi manca solo di essere denunciato da uno spacciatore”

Di TPI
Pubblicato il 23 Gen. 2020 alle 09:59 Aggiornato il 23 Gen. 2020 alle 10:06
2k
Immagine di copertina

“Siamo avanti e non di poco, ma non posso parlare di più di sondaggi sennò mi arrestano e ho già 18 processi. Adesso mi manca solo di essere denunciato da uno spacciatore e le ho viste tutte. Sono orgoglioso di essere andato in una zona della periferia bolognese dove non vedevano un politico da anni a dare una mano a madri e padri nella loro lotta alla droga”.

Così il leader della Lega, Matteo Salvini, in diretta Facebook, da Piacenza. L’ex ministro dell’Interno ha commentato così la vicenda della sua “citofonata” nel quartiere Pilastro di Bologna a un presunto spacciatore.

Qui la sua diretta video:

Lo stesso ragazzo a cui il leghista aveva citofonato, intervistato ai microfoni di TPI, aveva dichiarato: “Sono andato a denunciare. Non spaccio, non ho nessun precedente”.

Salvini si era già difeso nella giornata di ieri, dopo la bufera provocata dal suo gesto. “Gli spacciatori devono stare in galera, non a casa. Quando una mamma mi chiede aiuto, una mamma che ha perso un figlio per droga, faccio il possibile mettendomi in prima linea, anche se qualche benpensante protesta”.

TPI ha intervistato anche Anna Rita Biagini,  la donna bolognese del quartiere Pilastro che ha condotto Salvini per mostrargli la casa del presunto spacciatore: “Non ho portato io Salvini al citofono, alcuni esponenti della Lega ieri mattina mi hanno contattato chiedendomi di indicare loro dove abitano gli spacciatori della zona e io gliel’ho semplicemente detto”, ha spiegato. “Sapevano che ho foto di queste persone che spacciano, che ho già fatto avere alla polizia e ai carabinieri”.

Leggi anche:

Bologna, danneggiata l’auto della donna che ha portato Salvini al citofono del presunto spacciatore

L’avvocato a TPI: “Salvini potrebbe essere denunciato, 4 ipotesi di reato” per aver citofonato al tunisino

“Lei spaccia?”. Salvini che citofona a casa di un tunisino è il vero punto di non ritorno (di L. Telese)

Se Salvini può citofonare sentendosi uno sceriffo la colpa è nostra: ormai tutto è permesso (di L. Tosa)

Salvini vada a caccia di spacciatori senza telecamere e senza scorta (di L. Tomasetta)

Il mio problema non è solo Salvini che citofona a un minorenne tunisino, ma la signora Anna Rita e il Far West bolognese in cui crede di vivere (di G. Gambino)

2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.