Covid ultime 24h
casi +22.865
deceduti +339
tamponi +339.635
terapie intensive +64

Draghi telefona a Merkel per una strategia europea comune contro il Covid

In vista del Consiglio europeo in programma di giovedì e venerdì, premier italiano e cancelliera tedesca si sono confrontati in videoconferenza. Palazzo Chigi definisce il colloquio un “primo contatto preliminare” per favorire un “esercizio condiviso” della gestione della pandemia da parte dei 27

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 23 Feb. 2021 alle 11:02 Aggiornato il 23 Feb. 2021 alle 11:04
197
Immagine di copertina
Mario Draghi e Angela Merkel Credits: ANSA

In attesa del cambio di passo per le restrizioni Covid, la cui validità scade il 5 marzo, si inizia già a delineare il modello Draghi, che sembra essere più nel segno della continuità che in quello della rottura. Due i nodi principali: i colori regionali e il Cts. Il tanto discusso sistema dei tre colori resterà, ma cambieranno i parametri per classificare le Regioni. E il Comitato tecnico-scientifico continuerà a supportare il governo.

La telefonata Draghi-Merkel

Oltre queste due conferme, la grande novità è l’allineamento con l’Ue che Draghi preannuncia con una telefonata alla cancelliera tedesca Angela Merkel in vista del Consiglio europeo in videoconferenza di giovedì e venerdì. L’intento è coordinare la risposta europea alla pandemia, in particolare sulla produzione e la distribuzione dei vaccini.

Dopo i contatti del premier al G7 si tratta del primo colloquio bilaterale del presidente del Consiglio con un leader di primo piano della scena internazionale. Palazzo Chigi definisce il colloquio un “primo contatto preliminare per favorire un esercizio condiviso della gestione della pandemia da parte dei 27″. Ma che la telefonata sia partita alla volta di Berlino non è un certamente un fatto secondario. L’ex presidente della Bce riprende a tessere un filo mai abbandonato negli anni con la cancelliera tedesca, un’intesa che si è consolidata nel corso delle stagioni e che ha segnato la storia dell’Unione.

L’ultimo Consiglio

Mentre il governo bisticcia tra posizioni rigoriste e aperturiste, durante il secondo Consiglio dei ministri, il ministro della Salute Speranza ha avuto, durante l’ultimo Cdm, l’oneroso compito di condividere l’allarme per il tasso di positività salito al 5,6 e per “la variante inglese, che corre il 39 per cento più veloce delle altre e può diventare prevalente”. La preoccupazione è alta in tutta Europa, ha continuato Speranza, che teme un’impennata della curva dopo diverse settimane di plateau.

Il premier cauto

Il premier per ora non si avventura in dichiarazioni o annunci di nuovi dpcm. Draghi intende “verificare con grande attenzione quel che avverrà nelle prossime settimane e monitorare tutti gli indicatori, così che le decisioni che impattano sulla vita delle persone e sulle attività siano assunte sulla base di dati il più possibile specifici e appropriati”.

La via di mezzo

Renato Brunetta, il ministro della P.A. ha proposto un compromesso: “perimetrazioni subregionali e subprovinciali, così da far scattare misure rigorose per porzioni di territorio più piccole di una regione, come un gruppo di comuni limitrofi”. Soluzione che, secondo il ministro dem della Difesa Lorenzo Guerini, il Dpcm attuale già permette. Il 5 marzo si avvicina, e la soluzione non è ancora sul tavolo.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Leggi anche: 1. Il Consiglio dei ministri ha approvato la proroga dello stop a spostamenti tra regioni fino al 27 marzo. In zona rossa niente visite a parenti e amici / 2. Covid, le varianti in Italia: dove sono e quali le province più a rischio / 3. Burioni: “Se volete preoccuparvi per le varianti, fatelo: non le cerchiamo, come il virus l’anno scorso”

4. Negli Usa i morti per Covid sono più di quelli delle guerre mondiali e del Vietnam messe insieme / 5. Quelle mascherine cinesi vendute come Ffp2 che “filtrano solo il 36 per cento” / 6. Covid, il G7 stanzia 7,5 miliardi di dollari per i vaccini ai Paesi poveri

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

197
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.