Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Rigoristi contro aperturisti: governo Draghi spaccato. Speranza contro Lega e renziani

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 23 Feb. 2021 alle 08:48 Aggiornato il 23 Feb. 2021 alle 08:50
573
Immagine di copertina

Il nuovo governo Draghi è diviso sulla linea da tenere rispetto alla gestione della pandemia. Da una parte Lega, Forza Italia e Italia Viva (e Fratelli d’Italia dagli scranni dell’opposizione) che hanno una posizione aperturista, dall’altra invece il ministro appena riconfermato Roberto Speranza che guida la parte della prudenza. I dati, bisogna dirlo, sono tutt’altro che rassicuranti: l’Iss colloca la diffusione della variante inglese al 17,8 per cento.

“Non si può allentare”

“Non possiamo allentare le misure. E vanno quantomeno conservate le attuali”, sostiene Speranza, facendo eco al premier Draghi, che è un rigorista e rimane della sua idee anche se Matteo Salvini sta postando da giorni foto con lo slogan #ioapro sulla maglietta.

Le restrizioni che si stanno attuando in questi giorni vanno nella direzione delle zone rosse territoriali e mirate: anche i governatori di centrodestra contattano il governo per trattare nuove restrizioni: Brescia, la Bassa Bergamasca, Ventimiglia, alcuni comuni in provincia di Ancona, senza dimenticare territori di Umbria, Abruzzo e la chiusura totale di Bolzano.

Le posizioni

Forza Italia e Lega attaccano l’esposizione mediatica del Cts e insistono per ridimensionarlo, “serve che parli una voce sola”. Matteo Renzi imbocca la sua ministra, Elena Bonetti, e le fa dire: “L’unica strada per uscire dal tunnel sono i vaccini, il resto è chiacchiera”. Giancarlo Giorgetti e Maria Stella Gelmini chiedono misure di ristoro immediate, anche quando i blocchi vengono decisi dalle Regioni. Dario Franceschini, che chiede di valutare il prima possibile la riapertura di teatri e cinema. Ma sia per lo spettacolo, che per la ristorazione, la risposta è univoca: No.

Il nuovo Dpcm

In tutto questo, anche Draghi è bloccato. Ha dato il via libera al prolungamento dello stop dei movimenti regionali,  ma ancora non affronta il nodo del Dpcm che scade il 5 marzo. In quell’occasione il sistema dei colori delle Regione potrebbe scomparire, lasciando il posto a un’omogenea stretta a livello nazionale.

Leggi anche: 1. Il Consiglio dei ministri ha approvato la proroga dello stop a spostamenti tra regioni fino al 27 marzo. In zona rossa niente visite a parenti e amici / 2. Covid, le varianti in Italia: dove sono e quali le province più a rischio / 3. Burioni: “Se volete preoccuparvi per le varianti, fatelo: non le cerchiamo, come il virus l’anno scorso”

4. Negli Usa i morti per Covid sono più di quelli delle guerre mondiali e del Vietnam messe insieme / 5. Quelle mascherine cinesi vendute come Ffp2 che “filtrano solo il 36 per cento” / 6. Covid, il G7 stanzia 7,5 miliardi di dollari per i vaccini ai Paesi poveri

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

573
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.