Dimissioni Di Maio, Carelli (deputato M5S) a TPI: “Il suo non è un abbandono”

Il deputato e neo facilitatore del Movimento Cinque Stelle ai nostri microfoni: "Il bilancio della sua esperienza da leader del partito è assolutamente positivo. Lavoreremo ancora insieme"

Di Anna Ditta
Pubblicato il 22 Gen. 2020 alle 20:25 Aggiornato il 22 Gen. 2020 alle 20:26
12

Dimissioni Di Maio, Carelli (deputato M5S) a TPI: “Non è un abbandono”

Al termine della conferenza stampa di Luigi Di Maio, nella quale il ministro degli Esteri ha annunciato le sue dimissioni dal ruolo di leader politico del M5S, il deputato e nuovo facilitatore nazionale del partito Emilio Carelli ha parlato a TPI delle prossime sfide che aspetteranno i pentastellati nelle prossime settimane.

“Il nuovo capo politico? È troppo presto – spiega il deputato M5S – per sapere che caratteristiche debba avere. Di Maio però continuerà a lavorare con noi. Il suo non è un abbandono, si sta rimettendo in gioco. Anzi, si tratta di un gesto di grande generosità, che permetterà di avere un dibattito libero nel Movimento fino agli Stati generali del 15 marzo”.

“Noi facilitatori – continua Carelli – saremo al fianco del reggente Vito Crimi. Settimana prossima faremo il primo incontro: siamo a sua disposizione per portare avanti tutte le nostre iniziative”.

Quando gli viene chiesto un giudizio del periodo di Di Maio come capo politico del Movimento Cinque Stelle, Carelli non ha dubbi: “Forse sono un po’ di parte, ma per me il bilancio è assolutamente positivo: ha saputo condurre il Movimento con capacità, entusiasmo, energia e impegno. Forse troppo spesso qualche voce isolata ha preso il sopravvento e ha superato il silenzio di chi invece lavorava sodo per il bene del Paese”.

Leggi anche:

Di Maio si dimette da capo politico dei 5 Stelle: ecco i possibili successori

Dimissioni dal M5S, il gesto simbolico di Di Maio: “Mi tolgo la cravatta” | VIDEO

Luigi Di Maio si dimette da capo politico del M5S: cosa succede ora al governo?

Le dimissioni di Luigi Di Maio sanciscono la fine dell’era democristiana del M5S

M5S e Pd sono morti che camminano, Conte è già il leader del nuovo centrosinistra stile Ulivo (di R. Bertoni)

Il M5S perde pezzi: tutti i parlamentari usciti dal Movimento (e quelli che stanno per andarsene)

Giarrusso (M5S) a TPI: “Troppe concessioni al Pd, il Movimento si sta suicidando per non mollare le poltrone”

12
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.