Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Siri indagato per corruzione, Di Maio: “Sarebbe opportuno che si dimettesse”

Immagine di copertina

“Sarebbe opportuno che il sottosegretario Armando Siri si dimetta”. È laconico il commento di Luigi Di Maio, leader del Movimento Cinque Stelle e vicepremier, alla notizia dell’indagine per corruzione a carico del sottosegretario leghista ai Trasporti.

“Gli auguro di risultare innocente – ha continuato il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico – e siamo pronti a riaccoglierlo nel governo quando la sua posizione sarà chiarita”.

Il ministro Toninelli ritira le deleghe da sottosegretario a Siri

“Non so se Salvini sia d’accordo – ha concluso Di Maio – con questa mia linea intransigente, ma è mio dovere tutelare il governo e l’integrità delle istituzioni. Un sottosegretario indagato per fatti legati alla mafia è un fatto grave. Non è più una questione tecnica giuridica, ma morale e politica. Va bene rispettare i tre gradi di giudizio, ma qui la questione è morale. Ma se i fatti dovessero essere questi, è chiaro che Siri dovrebbe dimettersi”.

Poco dopo è arrivata la secca replica del segretario della Lega, Matteo Salvini, che ha sottolineato la sua “piena fiducia” nei confronti di Siri.

La posizione di Siri, consigliere economico del ministro dell’Interno e firmatario della proposta di legge per l’introduzione della Flat tax, rischia dunque di alimentare lo scontro in seno alla maggioranza.

Non è un mistero che nelle ultime settimane ci siano stati moltissimi scontri in seno al governo giallo-verde, sui temi più disparati. Dalla politica estera, con il caos in Libia e la conseguente questione dei migranti in arrivo in Italia, fino agli aspetti economici, come la discussione sul Def e sulla flat tax.

Adesso l’inchiesta delle procure di Roma e Palermo su Armando Siri rischia dunque di alimentare un rapporto che sembra essere ai minimi storici.

Extraterrestri e carboni ardenti: il passato alchimista del leghista Siri, indagato per corruzione

Ti potrebbe interessare
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione
Politica / Decreto Ong: così la Lega punta a far tornare i Decreti Sicurezza
Politica / La Camera blinda la legge sull’aborto: votato un ordine del giorno in difesa della Legge 194
Ti potrebbe interessare
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione
Politica / Decreto Ong: così la Lega punta a far tornare i Decreti Sicurezza
Politica / La Camera blinda la legge sull’aborto: votato un ordine del giorno in difesa della Legge 194
Politica / Caso Regeni, Tajani ribadisce la volontà dell’Egitto di collaborare: “Nessun tentennamento”
Politica / Mattarella al nuovo Csm: “L’indipendenza della magistratura è un pilastro della nostra democrazia”
Politica / Quanto guadagnano i ministri del governo Meloni: Carlo Nordio il più ricco
Politica / Ucraina, Tajani: “Dall’Italia aiuti per 1 miliardo, invieremo il sistema missilistico Samp-T”
Politica / Renzi ha dichiarato 2,5 milioni lordi nel 2021: parte del patrimonio deriva dai contratti di consulenza
Politica / Chi ha pagato la campagna elettorale (flop) di Luigi Di Maio
Politica / Accise, il capogruppo M5S alla Camera a TPI: “Sul caro-benzina Meloni mente sapendo di mentire”