Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Siri indagato per corruzione, Di Maio: “Sarebbe opportuno che si dimettesse”

Immagine di copertina

“Sarebbe opportuno che il sottosegretario Armando Siri si dimetta”. È laconico il commento di Luigi Di Maio, leader del Movimento Cinque Stelle e vicepremier, alla notizia dell’indagine per corruzione a carico del sottosegretario leghista ai Trasporti.

“Gli auguro di risultare innocente – ha continuato il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico – e siamo pronti a riaccoglierlo nel governo quando la sua posizione sarà chiarita”.

Il ministro Toninelli ritira le deleghe da sottosegretario a Siri

“Non so se Salvini sia d’accordo – ha concluso Di Maio – con questa mia linea intransigente, ma è mio dovere tutelare il governo e l’integrità delle istituzioni. Un sottosegretario indagato per fatti legati alla mafia è un fatto grave. Non è più una questione tecnica giuridica, ma morale e politica. Va bene rispettare i tre gradi di giudizio, ma qui la questione è morale. Ma se i fatti dovessero essere questi, è chiaro che Siri dovrebbe dimettersi”.

Poco dopo è arrivata la secca replica del segretario della Lega, Matteo Salvini, che ha sottolineato la sua “piena fiducia” nei confronti di Siri.

La posizione di Siri, consigliere economico del ministro dell’Interno e firmatario della proposta di legge per l’introduzione della Flat tax, rischia dunque di alimentare lo scontro in seno alla maggioranza.

Non è un mistero che nelle ultime settimane ci siano stati moltissimi scontri in seno al governo giallo-verde, sui temi più disparati. Dalla politica estera, con il caos in Libia e la conseguente questione dei migranti in arrivo in Italia, fino agli aspetti economici, come la discussione sul Def e sulla flat tax.

Adesso l’inchiesta delle procure di Roma e Palermo su Armando Siri rischia dunque di alimentare un rapporto che sembra essere ai minimi storici.

Extraterrestri e carboni ardenti: il passato alchimista del leghista Siri, indagato per corruzione

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi respinge i veti di Salvini: rispetterà gli impegni col Paese e l’Europa e farà le riforme
Politica / Letta risponde a Salvini: “Se dice no a riforme, esca dal governo”
Politica / Speranza: "C'è chi lavora a un governo Meloni-Salvini"
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi respinge i veti di Salvini: rispetterà gli impegni col Paese e l’Europa e farà le riforme
Politica / Letta risponde a Salvini: “Se dice no a riforme, esca dal governo”
Politica / Speranza: "C'è chi lavora a un governo Meloni-Salvini"
Politica / Salvini rilancia la candidatura di Draghi al Quirinale
Opinioni / Quando una biografia cede il passo alla mistificazione della realtà (di E. Franchin)
Opinioni / Il centrodestra sogna il Corriere della Sera: ecco cosa c’è dietro l’operazione Sallusti-Libero
Politica / “Berlusconi sta bene”: smentite le voci sulla morte del leader di Forza Italia
Politica / Letta: “L’Ue fermi Israele, questa non è legittima difesa”
Politica / Il Copasir chiede a Draghi un’indagine sull’incontro tra Renzi e Mancini all’Autogrill
Opinioni / L'ipocrisia degli antipopulisti che ora incensano il Draghi "premier gratis" (di G. Cavalli)