Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Crisi di governo, ultime news. Salvini: “Sintonia con Draghi, non poniamo veti”. Il M5S: “Serve esecutivo politico a partire dalla precedente maggioranza”. Conte: “Il Paese va messo in sicurezza”. Secondo giro di consultazioni lunedì e martedì

Immagine di copertina
Il premier incaricato Mario Draghi. Credit: Qurinale

Governo Draghi, le ultime notizie

GOVERNO NEWS – Continuano le trattative per la formazione del nuovo governo: oggi, sabato 6 febbraio 2021, il premier incaricato Mario Draghi ha ricevuto per le consultazioni la delegazione della Lega, guidata da Matteo Salvini, e quella del M5S, guidata da Beppe Grillo.

Sia dal Carroccio e sia dai Cinque Stelle – le due forze politiche più incerte sull’appoggio all’esecutivo – sono arrivati forti segnali di apertura. Se il Movimento auspica la formazione di un governo politico fondato sulla precedente maggioranza, Salvini da parte sua ha sottolineato come la Lega è “a disposizione” ma “a differenza di altri non pone veti” sulla compagine della maggioranza.

Draghi ha incassato finora l’appoggio del Partito democratico e di Forza Italia, il Sì incondizionato di Italia Viva e il No altrettanto incondizionato di Fratelli d’Italia, mentre il gruppo di Liberi e Uguali si dice disponibile a votare la fiducia ma avverte: “Noi mai insieme ai sovranisti”.

Lunedì prossimo inizierà il secondo giro di consultazioni, ma dal Quirinale filtra soddisfazione e ottimismo sul fatto che il Governo Draghi possa vedere la luce entro la fine della prossima settimana. Di seguito le ultime news di oggi, aggiornate in tempo reale.

Governo Draghi, news in diretta

Ore 20,45Meloni: “Solo i regimi totalitari non hanno opposizione” – “Penso che Fratelli d’Italia stia facendo una cosa utile. In un sistema democratico deve esserci un’opposizione, solo nei sistemi totalitari non c’è. Draghi ha un altissimo gradimento tra il 60-70%. Il restante 30-40 per cento di italiani non ha diritto di rappresentanza parlamentare?”. Lo afferma Giorgia Meloni al Tg5, aggiungendo: “Non conosco la squadra di governo, però so che la gran parte della maggioranza Draghi è quella che sosteneva Conte”.

Ore 18,46 – M5s: “Noi e Draghi da mondi diversi ma siamo leali” – “Oggi abbiamo incontrato il presidente incaricato Draghi, di fatto ci siamo ‘conosciuti’ – apparteniamo evidentemente a mondi diversi – abbiamo portato i nostri temi e ci siamo confrontati su questi”. È quanto si legge sul profilo Facebook del M5s. “La difesa di misure come il reddito di cittadinanza, una banca pubblica per gli investimenti, la politica sulla giustizia, una visione in cui l’ambiente è la base e non semplicemente un settore ma deve essere trasversale a tutte le scelte: una vocazione ambientalista e innovativa per la politica industriale. In particolare il forte legame fra ambiente e tecnologia. Sul tavolo abbiamo messo tutto, anche le esperienze degli ultimi due governi, comprese le difficoltà”, aggiungono dal M5s. “Non saremo perfetti ma, a differenza di altri, siamo leali e questo è un valore anche e soprattutto in politica, dove è merce rarissima”.

Ore 18,10Secondo giro di consultazioni lunedì e martedì – Il secondo giro di consultazioni del premier incaricato Mario Draghi riprenderà alle 15 di lunedì con il gruppo misto della Camera e si chiuderà martedì alle 17 con il Movimento 5 stelle. È quanto prevede il quadro delle nuove consultazioni diffuso nel pomeriggio.

∗ Il calendario: alle 15 di lunedì Draghi vedrà il Gruppo Misto della Camera e le Minoranze Linguistiche; alle 15,30 il Maie, Movimento associativo italiani all’Estero – PSI (componente Gruppo Misto Camera); alle 16 sarà la volta di + Europa – Radicali Italiani (Componente Gruppo Misto Camera) e +Europa – Azione (Componente Gruppo Misto Senato); alle 16,30 Draghi incontrerà Noi con l’Italia-Usei-Cambiamo!-Alleanza di centro (componente Gruppo Misto Camera) e Idea e Cambiamo (Componente Gruppo misto Senato); alle 17 toccherà a Centro Democratico – Italiani in Eurpa (Componente Gruppo Misto Camera); alle 17,30 Gruppo per le Autonomie (SVP-PATT,UV) del Senato. (AGI) MOL.

Martedì 11 febbraio sarà la volta dei “big”: il gruppo Europeisti- Maie Centro Democratico del Senato è atteso da Draghi alle 11. Alle 11,15 l’ex presidente della Bce incontrerà Liberi e Uguali e la componente Liberi e Uguali del Senato. Alle 12,30 sarà la volta dei Gruppi del Partito Democratico della Camera e del Senato. Alle 15,45 Draghi incontrerà i gruppi di Forza Italia-Berlusconi Presidente della Camera e Forza Italia-Berlusconi Presidente-Udc del Senato. Alle 16,30 i Gruppi Lega-Salvini premier-Partito Sardo d’Azione del Senato. Alle 17,15 i Gruppi M5S della Camera e del Senato.

Ore 16,00 – Conte: “Guardo al futuro, il Paese va messo in sicurezza” – “Io guardo sempre al futuro, dobbiamo guardare sempre al bene dell’Italia. Nessun rammarico Auguriamoci che si creino le condizioni perché il Paese sia messo in sicurezza al più presto”. Lo dichiara il premier uscente Giuseppe Conte, che questa mattina ha partecipato al vertice del M5S prima delle consultazioni con Draghi.

Ore 14,20 – Il Pd: “Infondate notizie su nostro appoggio esterno” – “Sono totalmente infondate le notizie su orientamenti assunti su eventuale appoggio esterno al Governo. La posizione del Pd è stata votata dalla direzione nazionale all’unanimità e illustrata ieri al Professor Draghi”. Cosi il Partito Democratico in una nota.

Ore 13,35 – Consultazioni, concluso l’incontro Draghi-M5S. Crimi: “Ci siamo ma sia un governo politico” – Si è concluso il colloquio fra la delegazione M5S e il premier incaricato Mario Draghi.

“In questo ultimo anno e mezzo alcune forze politiche hanno lavorato bene raggiungendo importanti risultati: con mediazione e lealtà siamo riusciti a superare le nostre divisioni. Su questa base deve formarsi il nuovo governo: una base solidale, europeista, ambientalista”, ha dichiarato al termine dell’incontro il reggente pentastellato Vito Crimi.

“Abbiamo trovato una persona che ha ribadito l’importanza di preservare il lavoro fin qui fatto. Noi abbiamo sottolineato l’importanza che si tratti di un governo di matrice politica”.

“Questo è stato solo un primo incontro, ora dal presidente incaricato ci aspettiamo una sintesi. Noi abbiamo dato la nostra disponibilità a valutare se ci sono le condizioni per dar vita a un esecutivo”. Leggi il discorso di Crimi.

Ore 12,15 – Consultazioni, Draghi riceve la delegazione del M5S – La delegazione del M5S è arrivata alla Camera dei deputati per le consultazioni col premier incaricato Mario Draghi. La delegazione è guidata dal garante del Movimento, Beppe Grillo.

Ore 11,40 – Consultazioni, parla Salvini: “Sintonia con Draghi. Noi a disposizione, a differenza di altri non poniamo veti” – Si è concluso il colloquio fra il premier incaricato Mario Draghi e la delegazione della Lega. “Con il professor Draghi c’è sintonia su diversi temi. Abbiamo parlato di tasse, sviluppo, crescita, cantieri, lavoro. Su questo c’è una sensibilità comune, come anche sulla difesa dell’ambiente e sulla green economy. Ma senza ideologie”, ha dichiarato al termine dell’incontro il leader leghista, Matteo Salvini.

“La Lega è la prima forza politica del Paese e abbiamo detto al professor Draghi che siamo a disposizione. A differenza di altri, noi non crediamo che si possa andare avanti a forza di No. Non abbiamo pregiudizi perché stiamo parlando del futuro dei nostri figli”.

“C’è la possibilità di iniziare un percorso interessante, ma è presto per dire Sì o No” al Governo Draghi. “Col professor Draghi ci rivedremo nei prossimi giorni”. Leggi il discorso di Salvini.

Ore 11,30 – Vertice M5S: chi c’è – Il M5S è riunito in questi minuti a Montecitorio per un vertice che precede le consultazioni con il premier incaricato Draghi. Al vertice sono presenti il garante del Movimento, Beppe Grillo, Davide Casaleggio, presidente dell’Associazione Rousseau, il premier uscente Giuseppe Conte, l’ex leader Luigi Di Maio e il reggente Vito Crimi. Presenti anche i ministri del governo uscente: Lucia Azzolina, Federico D’Incà, Stefano Patuanelli, Fabiana Dadone e Alfonso Bonafede.

Ore 11,15 – Di Maio: “Conte? La famiglia si allarga”. Conte: “Primo giorno da leader? Non mi risulta” – “Con Conte famiglia si allarga”. Lo ha dichiarato l’ex capo politico M5S, Luigi Di Maio, prima di entrare a Montecitorio per il vertice del pre-consultazioni dei Cinque Stelle. Fuori dalla Camera i giornalisti hanno raccolto anche una frase del premier dimissionario, Giuseppe Conte: primo giorno da leader M5S? “Non mi risulta”, ha replicato Conte, anche lui intervenuto alla riunione del M5S.

Ore 11,00 – Grillo pubblica un manifesto programmatico: “Le fragole sono mature” – A circa un’ora dalle consultazioni con il premier incaricato Draghi, il garante del M5S, Beppe Grillo, ha pubblicato sul suo blog un articolo dal titolo “In alto i profili”. Si tratta sostanzialmente di un elenco di punti programmatici: “Creare un ministero per la transizione ecologica, ridurre le imposte alle società benefit, istituire un Consiglio superiore per lo sviluppo sostenibile, ridurre i sussidi ambientalmente nocivi”. Al termine dell’articolo il garante M5S ha lasciato un messaggio criptico: “Le fragole sono mature”. Grillo si trova in questo momento alla Camera per la riunione del M5S che precede il colloquio con Draghi.

Ore 10,55 – Consultazioni, Draghi riceve la delegazione della Lega – La delegazione della Lega è arrivata alla Camera dei deputati per le consultazioni col premier incaricato Mario Draghi.

Ore 10,45 – Alle 11 si riunisce il M5S – Alle 11, prima delle consultazioni con il premier incaricato Draghi, il M5S si riunirà per un vertice a cui parteciperanno anche il garante Beppe Grillo e il premier dimissionario Giuseppe Conte.

Ore 10,20 – Molinari (Lega): “Se entrassimo nel governo vorremmo Salvini ministro” – “Se dovessimo entrare al governo la prima persona che dovrebbe entrare sarebbe Salvini”. Lo ha detto Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera, intervistato dai giornalisti all’esterno di Montecitorio. Con Draghi “ci confronteremo sui temi”, ha aggiunto Molinari.

Ore 10,00 – Di Battista ribadisce il No al Governo Draghi – In un lungo post su Facebook l’ex deputato M5S Alessandro Di Battista ha ribadito la sua contrarietà al Governo Draghi. “Se fossi in Parlamento non darei la fiducia al Presidente Draghi”, ha scritto Di Battista. “Ognuno ha le proprie. Tuttavia il punto non è neppure lui. Io non potrò mai avallare un’accozzaglia al governo che potrebbe andare da LEU alla Lega. Tutti dentro perché nessuno ha intenzione di fare opposizione. In queste ore qualcuno mi ha scritto ‘sei troppo radicale. In politica occorre anche cambiare opinione e plasmarsi sulle situazioni cambiate’. Sarà anche vero. Ma io non ce la faccio. Io non sosterrò mai un governo sostenuto da Forza Italia”.

Ore 09,30 – Meloni: “Non mi aspettavo l’apertura di Salvini a Draghi” – Giorgia Meloni rischia di ritrovarsi da sola all’opposizione del Governo Draghi. La leader di Fratelli d’Italia ribadisce il suo No all’esecutivo che si appresta a nascere, al quale invece sembra aver aperto Matteo Salvini, segretario della Lega, che con lei guida oggi il campo sovranista in Italia. “Da Berlusconi me lo aspettavo, lo aveva lasciato intendere. Dalla Lega meno, lo avevano escluso, sempre che poi finisca così come sembra in queste ore…”, osserva Meloni in una intervista rilasciata al Corriere della Sera. Leggi l’articolo integrale.

Ore 08,00 – La giornata di consultazioni – Giornata cruciale sul fronte consultazioni: questa mattina alla Camera dei deputati il premier incaricato Mario Draghi riceverà alle ore 11,00 la delegazione della Lega, guidata dal segretario Matteo Salvini, e alle ore 12,15 la delegazione del Movimento 5 Stelle, con alla testa il garante Beppe Grillo. Come noto sia all’interno del Carroccio sia all’interno dei Cinque Stelle ci posizioni contrastanti rispetto all’eventuale appoggio del Governo Draghi.

Leggi anche: 1. Il divertente spettacolo della Lega, che per non stare fuori dai giochi si scopre europeista (di Giulio Cavalli) / 2. La resistenza dei giallorossi: così il governo Draghi sta diventano un governo Ursula (di Luca Telese)

Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo
Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo
Politica / Green Pass, Massimo Cacciari: “Roba da regime dispotico. Sperimentazione di massa”
Politica / Salvini torna al Papeete e fa un selfie con Denis Dosio. Scoppia la polemica
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare