Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Altro che Amadeus: il pubblico a Sanremo serviva a Fiorello

Immagine di copertina

Altro che Amadeus: il pubblico a Sanremo serviva a Fiorello

Nonostante l’aria che tira nel vecchio Stivale, non è più l’ora delle decisioni irrevocabili. Al massimo sono irrevocabiline, irrevocabilucce, per poi trasformarsi in: come non detto, si scherzava. Renzi docet.

Persino quel ruvido spartano di Amedeo Sebastiani in arte Amadeus, che aveva annunciato ufficialmente l’intenzione di mollare la conduzione dell’imminente Festival di Sanremo qualora non gli fosse stato concesso il fondamentale pubblico in sala, di fronte al no definitivo del Comitato Tecnico Scientifico e della Rai, ha innestato la retromarcia. Nel Ponente ligure dal 2 marzo ci sarà, eccome. Del resto il ragazzo (che artisticamente aveva alcune valide ragioni) va capito: come fai a lasciare a piedi all’ultimo momento Viale Mazzini, della quale sei da anni volto di punta, abbandonando il prestigioso campo, con tutta la fiducia che ti stanno dando da tempo? Per giunta nei panni di Direttore artistico. Non si fa. Sono sgarri che si pagano. Quindi è evidente che trattavasi soltanto di suggestivo minaccione lanciato “Nell’aria”, come i versi dell’immortale pezzo di Marcella Bella.

La questione del pubblico a Sanremo, pur non essendo, in tutta evidenza, di primaria importanza per il Paese, si è presentata subito spinosa. L’Ariston è un teatro (per giunta grande come una scatola di sardine, nonostante le lenti deformanti delle inquadrature totali lo facciano sembrare enorme), e come tale doveva sottostare alla moratoria prevista per il Covid-19. Avallare l’eccezione che Amadeus chiedeva avrebbe rappresentato una disparità di trattamento rispetto agli altri teatri d’Italia da tempo chiusi e in sofferenza. Con una protesta già da tempo montante nel settore. E compararlo a uno studio televisivo per eludere il DPCM era un trucchetto che evidentemente non sarebbe piaciuto a molti.

Eppure il calore del pubblico per uno show è importante, e il pubblico di Sanremo fa parte integrante della liturgia. Dai vip e i notabili di ogni ordine e grado nelle prime file, alle incursioni di Cavallo pazzo (“Questo Festival è truccato e lo vincerà…”), al finto suicida in galleria dell’era baudiana, agli episodici ingressi fuori scena degli ospiti più o meno internazionali che guadagnano il palco.

Ciò che non va sottaciuto, però, è il vero motivo per cui a mio avviso Amadeus insisteva tanto per avere gente in carne e ossa seduta in platea. Il pubblico era fondamentale non tanto per lui (che peraltro conduce su Rai 1 un programma quotidiano senza pubblico), ma per il suo compagno d’avventura, Fiorello. Un talento maiuscolo ma inquieto, spesso caratterizzato da una certa latente insicurezza. Una sala plaudente non solo gli avrebbe consentito di giocare, fra gag e infiniti spunti comici, con le facce e i corpi seduti lì davanti. Ma l’avrebbe galvanizzato dando anche un riscontro immediato e oggettivo dell’audience ai suoi monologhi; cosa che gli applausi e le risate finte (ci sono file meravigliosi in circolazione, ma non è la stessa cosa) non possono certo dare. Per giunta già lo scorso anno Fiorello aveva testi piuttosto deboli, ed è rimasto in scena per troppo tempo accanto al conduttore. Perdendo la cifra del blitz umoristico che gli sarebbe stata più consona.

Insomma, per Fiore l’assenza di pubblico è artisticamente e psicologicamente un gran casino, per dirla con parole semplici ma efficaci. Un problema di fatto autorale. Di comfort zone autorale. Ma non facciamone un dramma: sicuramente lo risolverà. Perché Sanremo è Sanremo. E perché il giro d’interessi intorno al Festival è così grande, che penso che alla fine persino la pandemia dovrà farsene una ragione.

Leggi anche: 1. Sanremo, Amadeus rompe il silenzio: il post polemico del conduttore / 2. La videolettera di Riccardo Bocca: caro Amadeus, il tuo Sanremo non sarà solo uno show ma anche un salvagente dell’anima

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Opinioni / I Giochi di Tokyo 2020 hanno segnato il trionfo definitivo del sexy sport (di C. Sabelli Fioretti)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Opinioni / I Giochi di Tokyo 2020 hanno segnato il trionfo definitivo del sexy sport (di C. Sabelli Fioretti)
Opinioni / Grazie Simone Biles per essere “crollata”: ci hai insegnato cos’è la vera forza
Opinioni / L'ultima sparata di Pillon: sopravvivere attaccati a un macchinario è "naturale" (di G. Cavalli)
Opinioni / Il piano Covid non c’è, le assunzioni neanche, rebus trasporti: il Governo dei Migliori si è dimenticato della scuola
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Cronaca / Altro che giovani sfaticati: il caso di Grafica Veneta dimostra che certi imprenditori cercano solo schiavi (di G. Cavalli)
Opinioni / Il tabù del potere e Draghi l’intoccabile: ci si indigna per chi lo critica ma si tace sui suoi errori politici (di L. Telese)
Opinioni / Morti suicidi il giorno della laurea: se l’Università insegna a competere e non ad essere felici