Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Il lampo di sesso e speranza dei ManuelSkin nel grigiore di Sanremo

Immagine di copertina
Frame tv dell'esibizione a Sanremo dei Maneskin con Manuel Agnelli

E poi, la terza serata del Festival, arrivarono Manuel Agnelli e i Maneskin, già ribattezzati “ManuelSkin”. Appaiono all’improvviso, quando pensi che il Festival quest’anno sia andato così e pazienza, alla prossima, quando pensi che le famose buone intenzioni di Bugo dovrebbero essere quelle di mettersi a fare il fabbro, quando leggi che forse la tua regione diventerà zona rossa e il futuro è un grigio stabile.

Appaiono, in questi tempi bui, come un lampo di sesso e speranza. Damiano, 22 anni d’età e 100 di peccati, le dita tempestate di anelli, lo smalto, il kajal, il corsetto rosa e l’orecchino pendente. Damiano che si mangia il palco e ogni idea di pudicizia.

Lo stylist di Damiano che non lascia nulla al caso eppure sembra tutto un caso, perché Damiano è quello che indossa, quello che canta, è lui che veste le cose, non le cose a vestire lui. Damiano che è l’ultimo baluardo di futuro in questo Sanremo stanco.

Damiano che guarda negli occhi Manuel, mentore-maestro-amante, non importa, non importa più cosa è vero e cosa ci fanno credere quei due. E Manuel, appunto, camicia aperta, gonna da samurai rock, capello ostinatamente lungo, la sensualità del precettore che divide il palco con l’allievo. Col suo capolavoro.

Manuel che accoglie Damiano e lo incorona e si incorona, Manuel che fissa negli occhi la giovinezza e la sfida, Damiano che fissa negli occhi la saggezza e la sfida. E infine noi, ubriachi, ubriache da tanta sensualità, da questo gioco raffinato di sottintesi, di barbe bianche e ombretti sfumati, di pirati e samurai, di musica divina, di peccati suggeriti, mentre tutto, intorno, viene perdonato. Perfino Bugo. Manuel, Damiano. Amarli è una fatica.

Leggi anche: Sanremo è un flop perché cerca disperatamente una normalità che non c’è (di Selvaggia Lucarelli)

Tutte le notizie sul Festival di Sanremo
Ti potrebbe interessare
Musica / Zucchero contro il Festival di Sanremo: “Lo trovo allucinante, mi ha veramente straccato i maroni”
Musica / Criticarono Beatrice Venezi, sospesi 3 orchestrali della Sinfonica di Palermo
Musica / Dagospia: “Ecco il piano di Berlusconi per portare Sanremo su Mediaset con Amadeus”
Ti potrebbe interessare
Musica / Zucchero contro il Festival di Sanremo: “Lo trovo allucinante, mi ha veramente straccato i maroni”
Musica / Criticarono Beatrice Venezi, sospesi 3 orchestrali della Sinfonica di Palermo
Musica / Dagospia: “Ecco il piano di Berlusconi per portare Sanremo su Mediaset con Amadeus”
Musica / Giovanni Allevi racconta la sua malattia: “Un viaggio all’inferno. Poi però un giorno è arrivata la felicità”
Musica / È morto Eric Carmen, il cantante di "All by Myself" e "Hungry Eyes"
Musica / Madonna: “Ero quasi morta, Dio mi voleva con sé ma io ho detto No”
Musica / Morgan: “Sono pronto per la direzione artistica di Sanremo. Bugo? Al Festival gli ho fatto del bene”
Musica / Lorenzo Fragola: "Dopo X Factor ho avuto attacchi di panico"
Musica / Lo sfogo di Mr.Rain: “Siamo costretti a pubblicare una canzone dopo l’altra per non finire nel dimenticatoio”
Musica / Adele sta male: annullati i concerti di marzo