Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

A Colleferro, più che palestre e discoteche, dobbiamo riaprire i luoghi di aggregazione sociale e culturale

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Oggi in Italia ovunque ti giri non ci sono più i circoli, i partiti, le feste, le attività di paese. Non c’è più nemmeno la Chiesa. Ogni forma di aggregazione sociale e politica, così come ogni attività socio-culturale, è stata semplicemente cancellata dall’agenda della politica italiana. Sono così venuti meno i valori che ispiravano le nostre vite, che ci portavano a prendere posizione, a scendere in piazza, a stringere accordi e compromessi con la politica. Sono sparite anche le direttrici che formavano le nostre identità. E con esse si sono offuscate le battaglie culturali e politiche di portata storica che, sebbene ancora esistenti, vengono oggi vissute con disinteresse e apatia. Col risultato che pochi o nessuno legge più, giornali o libri che siano, e che nessuno o pochi seguono la politica che determina invece le nostre vite e la nostra attività quotidiana.

Senza lavoro, senza futuro, senza prospettive: sono molti coloro che oggi, specie ai margini delle grandi città, si sentono isolati e abbandonati. Questo drammatico abbandono dei territori è responsabilità unicamente della politica. È ciò che genera i mostri inumani che abbiamo visto a Colleferro. La politica non offre più risposte, la società non offre più prospettive. E allora la politica tutta dovrebbe alzarsi in piedi, stringersi in un minuto di silenzio e in 5 di mea culpa per tutto ciò che non dice. Che dimentica. A Colleferro, come altrove, c’è un malcontento da parte di una fetta enorme della popolazione: il problema è del Pd che se ne fotte o della Lega? In che modo dovremo parlare a queste persone che non ascoltano, non leggono i giornali? Salvini e Zingaretti vadano lì almeno una volta alla settimana. Riaccendiamo i quartieri e le periferie. Tutte. Non lasciamo solo nessuno.

Leggi anche: 1. Il vuoto politico e sociale produce i mostri inumani di Colleferro / 2. Se a uccidere un bianco fossero stati 4 neri sarebbe scoppiato il finimondo (di G. Cavalli) / 3. Omicidio Willy, i familiari degli arrestati: “Era solo un immigrato, non hanno fatto niente di male” / 4. “Per noi era come un figlio, sarebbe diventato un bravo chef”: parla il direttore dell’hotel dove lavorava Willy

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Cronaca / Cos'è e come funziona il Super Green Pass: le nuove regole in vigore da oggi
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Cronaca / Cos'è e come funziona il Super Green Pass: le nuove regole in vigore da oggi
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Cronaca / Da oggi al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram