Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Violenta la nipote di quattro anni, lo zio confessa: l’orrore nel campo rom

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 13 Apr. 2019 alle 12:23
0
Immagine di copertina
Crediti: flickr

La bambina ha soli quattro anni e ha subito violenza da suo zio. La triste vicenda si è consumata all’interno di un campo rom nella periferia di Napoli.

L’uomo è stato arrestato il 9 aprile, ma soltanto nella notte del 13 aprile ha confessato le sue colpe.

La brutalità delle sue azioni è stata notata quando la piccola è stata portata in ospedale dalla madre. La donna aveva notato delle piccole perdite di sangue e, allarmata, aveva portato sua figlia al pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Santobono.

I medici l’hanno visitata e hanno scoperto le lesioni interne della bambina, provocate con molta probabilità dagli abusi sessuali di cui lo zio è responsabile. Grazie alle indagini, è sopraggiunto l’arresto dell’uomo, residente a sua volta nello stesso campo rom della bambina e della madre.

Bambina di 4 anni violentata a Napoli: ricoverata all’ospedale pediatrico Santobono

La confessione non è arrivata subito: l’uomo aveva negato di aver abusato della bambina. Ma dopo qualche giorno la verità è emersa e un’altra bambina è stata vittima di violenze sessuali da parte di un membro della famiglia.

Ad oggi, la bambina di quattro anni è ancora ricoverata in ospedale, dopo essere stata trasferita dal Santobono al Federico II.

Ad occuparsi dell’inchiesta sono il sostituto procuratore Santulli e il procuratore aggiunto Falcone della sezione Fasce deboli della procura di Napoli.

L’episodio è stato reso noto da Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi e componente della Commissione sanità della Regione Campania.

“Seguiremo questa storia da vicino fino a quando non ci sarà una condanna esemplare. La violenza contro le donne richiede risposte immediate da magistratura e forze dell’ordine e, quando la vittima è una bambina di pochi anni, deve essere comminato il massimo della pena”, ha dichiarato l’esponente politico.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.