Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Violenta la nipote di quattro anni, lo zio confessa: l’orrore nel campo rom

Immagine di copertina
Crediti: flickr

La bambina ha soli quattro anni e ha subito violenza da suo zio. La triste vicenda si è consumata all’interno di un campo rom nella periferia di Napoli.

L’uomo è stato arrestato il 9 aprile, ma soltanto nella notte del 13 aprile ha confessato le sue colpe.

La brutalità delle sue azioni è stata notata quando la piccola è stata portata in ospedale dalla madre. La donna aveva notato delle piccole perdite di sangue e, allarmata, aveva portato sua figlia al pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Santobono.

I medici l’hanno visitata e hanno scoperto le lesioni interne della bambina, provocate con molta probabilità dagli abusi sessuali di cui lo zio è responsabile. Grazie alle indagini, è sopraggiunto l’arresto dell’uomo, residente a sua volta nello stesso campo rom della bambina e della madre.

Bambina di 4 anni violentata a Napoli: ricoverata all’ospedale pediatrico Santobono

La confessione non è arrivata subito: l’uomo aveva negato di aver abusato della bambina. Ma dopo qualche giorno la verità è emersa e un’altra bambina è stata vittima di violenze sessuali da parte di un membro della famiglia.

Ad oggi, la bambina di quattro anni è ancora ricoverata in ospedale, dopo essere stata trasferita dal Santobono al Federico II.

Ad occuparsi dell’inchiesta sono il sostituto procuratore Santulli e il procuratore aggiunto Falcone della sezione Fasce deboli della procura di Napoli.

L’episodio è stato reso noto da Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi e componente della Commissione sanità della Regione Campania.

“Seguiremo questa storia da vicino fino a quando non ci sarà una condanna esemplare. La violenza contro le donne richiede risposte immediate da magistratura e forze dell’ordine e, quando la vittima è una bambina di pochi anni, deve essere comminato il massimo della pena”, ha dichiarato l’esponente politico.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI