Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Bambina di 4 anni violentata a Napoli: ricoverata all’ospedale pediatrico Santobono

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 11 Apr. 2019 alle 18:28
0
Immagine di copertina
A 4 anni violentata da un parente

Una bambina di appena quattro anni è stata ricoverata all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli dopo aver subito una violenza sessuale. La madre della piccola ha sporto denuncia.

A rendere noto il terribile episodio è stato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Una bimba di quattro anni di etnia rom è stata ricoverata due giorni fa presso l’ospedale Santobono dopo aver subito violenza sessuale, stando alla denuncia della madre che l’ha accompagnata, da parte di un componente della famiglia”, ha riferito Borrelli.

“Purtroppo le prime verifiche sanitarie sembrano confermare quanto asserito dalla donna. È bastato poco ai medici di guardia per capire subito cosa fosse accaduto. La bimba è stata adesso trasportata al Policlinico per ulteriori e più approfonditi accertamenti mentre le forze dell’ordine hanno fermato il presunto colpevole”, ha continuato il consigliere dei Verdi, che fa parte della commissione Sanità, dopo aver ricevuto la conferma di quanto avvenuto alla piccola da parte del direttore dell’ospedale pediatrico partenopeo, Anna Maria Minicucci.

“Si tratta di un episodio disumano del quale seguiremo da vicino tutti gli sviluppi fino a quando l’orco non sarà condannato in maniera esemplare. La violenza contro le donne è sempre inaccettabile e richiede risposte immediate da parte di magistratura e forze dell’ordine”, ha spiegato ancora Borrelli.

“Quando la vittima è una bimba di pochi anni assume una gravità tale da meritare il massimo della pena che può essere comminata alla bestia che ha potuto compiere un simile atto. Faremo di tutto per mantenere accesi i riflettori su questa vicenda fino alla sua conclusione”, ha detto in conclusione il consigliere.

Verona, stupra la figlia di 8 anni e le trasmette il virus: ora la bambina rischia un tumore

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.