Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Verona, stupra la figlia di 8 anni e le trasmette il virus: ora la bambina rischia un tumore

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 10 Apr. 2019 alle 11:14 Aggiornato il 10 Apr. 2019 alle 12:25
0
Immagine di copertina

Questa è la storia di un padre-orco che abusa della figlia di otto anni.

Una storia di violenza avvenuta nel veronese, con l’aggravante di una malattia: il padre avrebbe contagiato la bambina trasmettendole il virus HPV (conosciuto anche come papilloma virus). Si tratta della malattia sessualmente trasmissibile più diffusa. Nella maggior parte dei casi, non si manifesta alcun sintomo ma questo virus può portare alla comparsa di tumori nell’area genitale e alla sterilità.

La vicenda, riportata dal quotidiano veronese L’Arena, risale al 2010. Il padre era di ritorno da un rave party e avrebbe colpito la figlia di otto anni con schiaffi in faccia e calci a un braccio. Dopo, avrebbe abusato di lei trasmettendole il papilloma virus.

E questo, purtroppo, non è stato neanche il primo abuso: la figlia, già in precedenza, è stata vittima di violenza da parte del padre. La bambina frequentava la terza elementare e si divideva tra la mamma e il papà, in fase di divorzio. Il padre-orco abusava della sua vulnerabilità e ha continuato a farlo finché non le ha trasmesso il virus HPV.

Abusa di una bambina di 8 anni nel bagno del suo negozio, 36enne arrestato a Parma

L’uomo adesso deve rispondere all’accusa di violenza sessuale su minore e anche a lesioni gravissime. “In occasione della violenza dopo la festa, cagionava volontariamente alla bambina lesioni personali gravissime provocandole una malattia certamente o probabilmente insanabile potendo il detto virus sfociare nello sviluppo di tumori e condurre alla sterilità”, questo è quanto dichiarato dal capo d’imputazione.

Il processo sarà avviato a maggio, ma soltanto ieri mattina i legali dell’uomo hanno avanzato la richiesta di poter sottoporre l’imputato a una perizia psichiatrica. Il giudice per l’udienza preliminare Livia Magri ha rigettato l’istanza e ha disposto il rinvio a giudizio.

Il padre è attualmente agli arresti domiciliari, in attesa del processo.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.