Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Terremoto L’Aquila, l’immagine simbolo di una madre e una figlia a 10 anni di distanza

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 5 Apr. 2019 alle 16:49 Aggiornato il 6 Apr. 2019 alle 10:39
0
Immagine di copertina
Credit: Ansa

La foto di Stefania Faraone e Sara Luce, madre e figlia, quel drammatico giorno aveva fatto il giro del mondo. Era il 6 aprile del 2009 quando un terribile terremoto distrusse la città de L’Aquila e le zone circostanti. Una tragedia che fece 309 vittime, 1600 feriti e 65mila sfollati.

Oggi, dieci anni dopo, Sara compie 18 anni. Il Messaggero ha raccontato la sua storia e quella di sua mamma con una foto simbolica. Nell’intervista rilasciata al quotidiano Stefania Faraone ha dichiarato: “Incredibile ma in quello scatto ero felice”.

“Io, 9 ore sotto le macerie del terremoto de L’Aquila accanto a mia zia morta, mi sento una miracolata”, la potente testimonianza raccolta da TPI

L’immagine mostra Stefania con lo sguardo perso e Sara, ancora bambina, che dorme su una barella in un ospedale da campo improvvisato. La foto fu scattata da un fotografo dell’Ansa. A poche ora dal sisma in Abruzzo quella foto diventò virale.

Terremoto L’Aquila: la foto simbolo di una madre e di una figlia

Stefania Faraone e la piccola Sara Luce ieri e oggi: mamma e figlia, ferite nel terremoto, oggi stanno bene. Nella prima foto le vediamo all’ospedale civico dell’Aquila, il 6 aprile 2009, mentre nella seconda immagine appaiono sorridenti in un centro commerciale a pochi giorni da Natale. Credit: PERI- PERCOSSI / ANSA/ ARCHIVIO/CRI

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.