Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

L’indecisione sulla Tav ha eliminato il Movimento 5 Stelle dalla Val di Susa

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 10 Apr. 2019 alle 12:04
0
Immagine di copertina

A maggio del 2019 in Val Susa, in Piemonte, si tengono le elezioni comunali. Un voto dal grande significato in una zona interessata direttamente dalla costruzione dell’Alta velocità Torino-Lione e in cui i 5 Stelle solo un anno fa, in occasione delle politiche, ottenne percentuali bulgare.

I pentastellati fecero il pieno di voti nella Valle, ma difficilmente il successo del 2018 si potrà ripetere.

A pesare sul futuro politico dei 5 Stelle in Piemonte è la Tav. I pentastellati in occasione delle politiche fecero leva sulla rabbia della popolazione locale contro l’Alta velocità, promettendo di interrompere i lavori e salvare così la Valle.

Nonostante le promesse da campagna elettorale, il Movimento non è ancora riuscito a convincere il Governo a fare marcia indietro. Per questo motivo i 5 Stelle hanno deciso di adottare una particolare strategia per le elezioni comunali in Val di Susa: mimetizzarsi nelle liste civiche.

Nei 22 Comuni al voto, solo in due i candidati pentastellati hanno associato direttamente il loro nome a quello del Movimento, mentre negli altri, come detto, i 5 Stelle cercheranno di guadagnare consenso puntando sulla persona e non sulla fazione politica di appartenenza.

Un esempio su tutti è Sant’Antonino di Susa, dove il militante dei 5 Stelle che si propone come sindaco ha scelto di non associare il suo nome a quello del Movimento. Stesso discorso a Chiomonte e Giaglione, città in cui i pentastellati fecero il pieno di voti un anno fa e dove adesso rischiano di non ottenere grandi risultati.

La Tav – La Tav è uno dei dossier che ha creato maggior attrito tra Lega e M5s, oltre che tra il Governo italiano e l’Unione europea.

I 5 Stelle in campagna elettorale per le politiche del 2018 avevano fatto dello stop all’opera uno dei loro principali cavalli di battaglia, definendo la Torino-Lione inutile e raccogliendo così consenso nel Movimento No Tav, molto forte in Val di Susa.

Dopo 12 mesi la situazione è ancora in fase di stallo e di recente il Governo ha deciso di rimandare ogni decisione sui lavori a dopo le elezioni europee del 26 maggio, nonostante l’analisi costi-benefici abbia bocciato il progetto.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.