Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

L’indecisione sulla Tav ha eliminato il Movimento 5 Stelle dalla Val di Susa

Immagine di copertina

A maggio del 2019 in Val Susa, in Piemonte, si tengono le elezioni comunali. Un voto dal grande significato in una zona interessata direttamente dalla costruzione dell’Alta velocità Torino-Lione e in cui i 5 Stelle solo un anno fa, in occasione delle politiche, ottenne percentuali bulgare.

I pentastellati fecero il pieno di voti nella Valle, ma difficilmente il successo del 2018 si potrà ripetere.

A pesare sul futuro politico dei 5 Stelle in Piemonte è la Tav. I pentastellati in occasione delle politiche fecero leva sulla rabbia della popolazione locale contro l’Alta velocità, promettendo di interrompere i lavori e salvare così la Valle.

Nonostante le promesse da campagna elettorale, il Movimento non è ancora riuscito a convincere il Governo a fare marcia indietro. Per questo motivo i 5 Stelle hanno deciso di adottare una particolare strategia per le elezioni comunali in Val di Susa: mimetizzarsi nelle liste civiche.

Nei 22 Comuni al voto, solo in due i candidati pentastellati hanno associato direttamente il loro nome a quello del Movimento, mentre negli altri, come detto, i 5 Stelle cercheranno di guadagnare consenso puntando sulla persona e non sulla fazione politica di appartenenza.

Un esempio su tutti è Sant’Antonino di Susa, dove il militante dei 5 Stelle che si propone come sindaco ha scelto di non associare il suo nome a quello del Movimento. Stesso discorso a Chiomonte e Giaglione, città in cui i pentastellati fecero il pieno di voti un anno fa e dove adesso rischiano di non ottenere grandi risultati.

La Tav – La Tav è uno dei dossier che ha creato maggior attrito tra Lega e M5s, oltre che tra il Governo italiano e l’Unione europea.

I 5 Stelle in campagna elettorale per le politiche del 2018 avevano fatto dello stop all’opera uno dei loro principali cavalli di battaglia, definendo la Torino-Lione inutile e raccogliendo così consenso nel Movimento No Tav, molto forte in Val di Susa.

Dopo 12 mesi la situazione è ancora in fase di stallo e di recente il Governo ha deciso di rimandare ogni decisione sui lavori a dopo le elezioni europee del 26 maggio, nonostante l’analisi costi-benefici abbia bocciato il progetto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI