Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Università, la Sapienza nega il Festival Lgbtq: le associazioni organizzano un “pride” di protesta

Immagine di copertina

Sapienza pride | Link Sapienza e Prisma – Collettivo LGBTQIA+ Sapienza stanno organizzando, in questi giorni, la seconda edizione del Festival LGBTQIA+: incontri, laboratori, conferenze per celebrare i 50 anni dai Moti di Stonewall.

Il progetto è stato regolarmente presentato all’Università per ottenere un finanziamento attraverso il bando per iniziative culturali e sociali organizzate dagli studenti.

L’Amministrazione, però, ha condizionato il finanziamento a modifiche sostanziali di programma e nome dell’iniziativa. Gli studenti non ci stanno, proseguono con il Festival senza modifiche e organizzano, in risposta, il secondo Sapienza Pride il 17 maggio.

“Stonewall: Festival LGBTQIA+ è strutturato in una serie di iniziative informative e di sensibilizzazione per liberare da pregiudizi e discriminazioni l’Università in cui viviamo.

Si è scelto per questo di affrontare temi diversi, tutti legati a quelli dell’affettività e delle identità sessuali, andando oltre la questione della rivendicazione dei diritti, ma concentrando l’attenzione sul fatto che odio e discriminazioni, di cui sono vittime le persone LGBT+, sono in realtà profondamente legate e connesse con tutte le altre discriminazioni” dichiara Susanna Chiulli, del collettivo Prisma.

Tra gli incontri è previsto infatti un laboratorio di Drag Queening e Kinging, un incontro sulla PrEP, un convegno sui migranti LGBT+ e un altro su persone disabili e sessualità, in aggiunta ad altri eventi diffusi in tutta l’Università fino al 13 maggio.

“Siamo partiti dal concetto di intersezionalità: le discriminazioni verso le persone non sono diverse a seconda della condizione, ma sono tutte facce della stessa medaglia” continua Susanna.

Le modifiche richieste dall’Ateneo cambiano profondamente lo scopo del Festival: è stato chiesto di non “settorializzarsi” su migranti e persone sieropositive, di non parlare di disabilità, di concentrarsi sulla semplice questione dei diritti civili, di non realizzare il laboratorio di Drag (una forma d’arte ormai riconosciuta universalmente) e di modificare addirittura il nome dell’evento.

“Ci sconforta che la nostra università vede come una settorializzazione discutere e collegare diversi tipi di oppressione. Rifiutiamo l’ottica proposta, che vorrebbe ridurre la lotta del movimento LGBT+ solo ad un tentativo di conquista di diritti civili, e tantomeno accettiamo l’idea che questo aspetto sia l’unico considerato per la formazione di studenti e studentesse” dichiara Luna D’Andrea, Coordinatrice di Link Sapienza.

“Repressione e revoca del finanziamento non ci fermeranno” dichiara Riccardo Sala del collettivo Prisma. “Il Festival avrà luogo comunque e con la stessa impostazione con cui è stato pensato. Rispondiamo all’Amministrazione annunciando il Sapienza Pride, venerdì 17 maggio dalle ore 15. Sfileremo dentro la Città Universitaria per prendere parola sulle nostre vite, sui nostri corpi. Saperi liberi e istruzione sono gli unici strumenti per cambiare tutto.”

Per conoscere i prossimi appuntamenti del Festival, qui l’evento Facebook.

Doppio libretto universitario per i trans, La Sapienza approva

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI