Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Salvini è stato denunciato per istigazione all’odio razziale da un gruppo di cittadini di Treviso

Immagine di copertina
Il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Credit: AFP PHOTO / MIGUEL MEDINA

Contestate alcune frasi del ministro, tra cui la famosa "per gli immigrati clandestini è finita la pacchia"

Venerdì 24 agosto 2018, nel pieno del caso Diciotti, un gruppo di cinque cittadini trevigiani ha depositato una denuncia nei confronti del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, per “istigazione all’odio razziale”, aggravato dalla posizione di ministro della Repubblica.

La querela parte dalla famosa dichiarazione di Salvini, secondo cui con la Lega al governo per gli immigrati clandestini “è finita la pacchia”.

Leggi anche Quali conseguenze penali rischia Salvini per il caso Diciotti

Tra i cinque che hanno denunciato il ministro ci sono Said Chaibi, ex consigliere comunale di maggioranza durante il mandato del sindaco Manildo (Pd) , e Renato Zanivan, ex segretario cittadino di Sel.

Salvini pronunciò la frase incriminata a giugno, all’indomani della sua nomina a responsabile del Viminale, durante un comizio a Vicenza.

Nella denuncia sono citate anche altre espressioni usate dal leader leghista, tra cui “Gli immigrati che campeggiano qui a pranzo e cena sono evidentemente troppi”, “Preparatevi a fare le valigie, in maniera educata e tranquilla, ma se ne devono andare”, “Gli immigrati hanno mangiato abbondantemente alle spalle degli altri per troppo tempo”, “una ricognizione sui rom in Italia per vedere chi, come, quanti rifacendo quello che fu definito il censimento, facciamo un’anagrafe” e “I rom italiani purtroppo te li devi tenere a casa”.

Secondo i querelanti, il ministro avrebbe rilasciato dichiarazioni “di contenuto discriminatorio e razziale” definendo “in modo palesemente diffamatorio la condizione dei richiedenti asilo che raggiungono l’Italia” e “promuovendo l’ostilità dei cittadini italiani nei confronti di tali persone”.

Si legge poi nella denuncia che, anche a seguito della proposta di “effettuare un censimento su base etnica dei “rom”, il ministro ha istigato, fomentato, promosso e incoraggiato la denigrazione, l’odio e la discriminazione nei confronti della minoranza “rom” in Italia”, violando così la legga Mancino che punisce chi commette propaganda o istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa.

Il gruppo è seguito dall’avvocato Chiara Boschetti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI