Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Strage di Erba, rivelazione shock di Rosa Bazzi: “Quella sera c’era un uomo, lo abbiamo visto”

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 16 Apr. 2019 alle 13:55 Aggiornato il 16 Apr. 2019 alle 14:00
0
Immagine di copertina

Una rivelazione shock quella di Rosa Bazzi sulla strage di Erba che potrebbe costituire un elemento davvero importante per arrivare alla verità, ora che è stata inoltre fatta richiesta di revisione della sentenza di condanna all’ergastolo da parte di Azouz Marzouk per lei e suo marito Olindo Romano.

“Quella sera c’era un uomo…”, ha infatti riferito la donna nel corso di un’intervista a Le Iene parlando della tragica sera in cui sono state massacrate quattro persone al numero 25 di Via Diaz nel piccolo paese in provincia di Como: dei brutali omicidi sono stati ritenuti colpevoli, dopo ben 4 anni di processi, i vicini di casa, i coniugi Romano. Dubbi e incertezze su uno dei delitti più efferati della storia d’Italia, però, hanno continuato ad emergere nel corso di questi lunghi anni: la trasmissione di Italia 1, in particolare, ha già da tempo cercato di ricostruire quanto accaduto ed evidenziato alcune “zone grigie” di quell’indagine anche con l’aiuto di chi – come alcuni giornalisti – sostiene l’innocenza di Rosa e Olindo.

“Gliel’ho detto anche ai carabinieri, perché quando siamo usciti noi abbiamo visto un signore… abbiamo visto e… però non, non ci hanno neanche ascoltato… L’abbiamo detto sempre al maresciallo Gallorini. Noi abbiamo visto un signore, con una borsa in mano, aveva un giaccone e un cappello. È entrato… nella corte, è entrato nella porta… con un sacchetto di plastica, questo me lo ricordo, perché questa cosa ce l’ho ancora nella mente”, ha raccontato in esclusiva a Le Iene la donna rinchiusa nel carcere di Bollate.

Antonio Monteleone, il giornalista del programma Mediaset, ascoltando la donna e indagando in quei suoi ricordi della sera dell’11 dicembre 2006, le ha poi domandato cosa ne pensasse della richiesta di revisione avanzata alla procura generale di Milano da parte dell’avvocato del marito di Raffaella Castagna: “Beh… mi fa piacere, sono molto contenta di questa cosa però lui lo sa chi è stato. Mi sono fatta 12 anni, non capisco come mai se lo sa… non dice chi è stato?”, è stata la risposta, ma anche la domanda, della Bazzi.

Lei che non saprebbe indicare un colpevole, ma che ha comunque avanzato tutte le sue ipotesi e perplessità: “Beh… bisogna vedere le amicizie che aveva Marzouk, e bisogna vedere le amicizie che aveva la Raffaella… eee… quando hai le amicizie di roba di droga o spacci quelle cose lì… non è che sono delle persone che… son bravi… no? No!”.

La sua unica certezza è che “Non siamo stati noi due”. “Non hanno svolto bene il lavoro che hanno fatto… Non hanno trovato niente in casa nostra? Cioè posso essere brava a pulire… Sono entrati in casa nostra ci hanno ribaltato la casa, cioè sono stati al piano di sopra, hanno ribaltato e non hanno trovato niente…”, ha poi aggiunto Rosa Bazzi.

Strage di Erba, detenuto innamorato rifiuta la semilibertà per stare con Rosa Bazzi

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.