Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Cosa è successo il 16 marzo nel mondo

Immagine di copertina

Un riassunto semplice e chiaro di quello che è successo oggi nel mondo

Stati Uniti: alle primarie di ieri la candidata democratica Hillary Clinton è riuscita a vincere in Florida, Ohio, Illinois, North Carolina e Missouri. Nessuno stato per Bernie Sanders. Sul fronte dei repubblicani Donald Trump si è aggiudicato Florida, Illinois, North Carolina e Missouri, mentre John Kasich ha vinto nel suo home state, l’Ohio. Marco Rubio, dopo la sconfitta nello stato di cui è senatore, la Florida, ha deciso di ritirarsi dalla corsa per la nomination del partito. 

– Regno Unito: la Borsa di Francoforte, Deutsche Boerse, ha annunciato di aver raggiunto un accordo per la fusione con la Borsa di Londra, London Stock Exchange, gruppo a cui fa capo anche Piazza Affari. La fusione alla pari tra le due maggiori borse europee per capitalizzazione vale 30 miliardi di dollari: gli azionisti del London Stock Exchange avranno circa il 45,6 per cento del nuovo gruppo mentre quelli di Deutsche Borse circa il 54,4 per cento. 

– Nigeria: almeno 22 persone sono state uccise e 32 sono rimaste ferite in un attacco suicida in una moschea nella città nigeriana di Maiduguri, nel nord est del paese. L’attacco è stato condotto da due attentatrici suicide. Nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità per l’attacco – il primo da quando 86 persone rimasero uccise lo scorso gennaio – ma si riconoscono i tratti distintivi del gruppo estremista Boko Haram. 

– Siria: i rappresentanti del governo siriano hanno escluso la possibilità di avviare negoziati diretti con l’opposizione. L’annuncio è stato dato dal capo negoziatore del governo, Bashar al-Jaafari, durante la conferenza stampa a Ginevra dove sono in corso i colloqui di pace. Il 15 marzo è ricorso il quinto anniversario del conflitto siriano.

– Pakistan: almeno 15 persone sono morte il 16 marzo a causa dell’esplosione di una bomba su un autobus a Peshawar, nel nordovest del Pakistan. Altri 30 passeggeri sono rimasti feriti nella deflagrazione, alcuni in maniera molto grave. L’autobus proveniva da Mardar e trasportava impiegati del Segretariato civile nella capitale provinciale di Peshawar. L’esplosione è stata causata da un ordigno artigianale nascosto nell’autobus ed è avvenuta mentre il veicolo stava attraversando una via molto trafficata. 

– Stati Uniti: il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama ha nominato Merrick Garland giudice della Corte Suprema. Garland attualmente è il giudice capo della Corte d’Appello degli Stati Uniti nel District of Columbia ed è una figura moderata e bipartisan. La Corte suprema è il più alto tribunale federale del paese ed è formato da un presidente e 8 membri. Il 13 febbraio 2016 era venuto a mancare improvvisamente il giudice Antonin Scalia, dell’ala più conservatrice della corte ed era rimasto quindi un posto vacante. 

– Corea del Nord: lo studente statunitense Otto Frederick Warmbier è stato condannato in Corea del Nord a 15 anni di lavori forzati per crimini contro il paese. Il ragazzo ventunenne, studente di economia dell’università della Virginia, era stato sorpreso lo scorso 2 gennaio a rubare un manifesto politico nell’hotel dove alloggiava con degli amici. Il ragazzo era apparso sulla tv di stato, confessando che una setta religiosa lo aveva spinto a rubare il cartello, come “trofeo” del suo viaggio. Durante una conferenza stampa a Pyongyang nel mese di febbraio, Warmbier in lacrime aveva “confessato” il suo crimine, dicendo che si era trattato dell’errore “più grande della sua vita”. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI