Covid ultime 24h
casi +17.083
deceduti +343
tamponi +335.983
terapie intensive +38

Revenge porn, Lucarelli contro Boldrini: “Stupita dalle polemiche, aveva tutto il tempo per fare una legge”

Di Laura Melissari
Pubblicato il 28 Mar. 2019 alle 20:57 Aggiornato il 29 Mar. 2019 alle 12:22
0
Immagine di copertina

L’emendamento di Laura Boldrini, ex presidente della Camera e deputata di Leu, sul revenge porn è stato bocciato per 14 voti. Le deputate dell’opposizione hanno protestato contro Lega e M5s per la mancata approvazione occupando i banchi del governo a Montecitorio.

Le parlamentari di Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno scatenato le polemiche. Intanto nella stessa giornata, al Senato è stata presentata una proposta di legge del Movimento Cinque Stelle sul revenge porn, alla presenza della mamma di Tiziana Cantone, la ragazza suicida dopo la circolazione di suoi video intimi, e Selvaggia Lucarelli.

La Camera affossa la legge sul revenge porn, la Boldrini a TPI: “Occasione persa per egoismo di Lega e 5 Stelle”

La giornalista ha commentato le polemiche sull’emendamento bocciato, sostenendo di esserne stupita. “Boldrini è stata presidente della camera dal 2013 al 2018 (quindi terza carica dello stato), credo che il tempo per una proposta di legge e la relativa approvazione non le sarebbero mancati. Evidentemente finché era al governo anziché all’opposizione il tema non era una sua priorità”, ha scritto sulla sua pagina Facebook.

Nella scorsa legislatura Boldrini è stata iscritta prima al gruppo Sinistra Italiana e poi al Gruppo Mistro: in entrambi i casi si trattava di formazioni non schierate con la maggioranza di governo. Da presidente della Camera, inoltre, Boldrini non poteva votare in aula a Montecitorio.

“Siccome io condivido molte sue battaglie e non ho interesse a tifare per nessuno se non per una legge seria, voglio però dire che in fondo, queste polemiche sono anche una bella notizia. Fino a qualche anno fa le donne che subivano revenge porn erano sole e incomprese, oggi il revenge porn se lo litiga perfino la politica”, ha proseguito Lucarelli.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

La giornalista sostiene che il tema del revenge porn è così complesso che merita una legge e non un semplice emendamento. “E la legge ci sarà”, promette.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.