Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Primarie Pd, sospetti sui risultati ufficiali: i numeri sono “statisticamente impossibili”

Immagine di copertina
Il segretario del PD, Nicola Zingaretti, durante l'assemblea nazionale del Partito Democratico. Roma, 17 marzo 2019. ANSA/CLAUDIO PERI - MASSIMO PERCOSSI

Domenica 17 marzo si è riunita l’Assemblea del Partito democratico per la proclamazione del nuovo segretario Nicola Zingaretti, risultato il candidato più votato alle primarie dello scorso 3 marzo 2019.

Nella stessa occasione Paolo Gentiloni è stato eletto presidente del partito.

Durante l’assemblea, il presidente della commissione Gianni Dal Moro comunicato i dati ufficiali delle primarie Pd. I votanti sono stati 1.582.083  voti sono stati così ripartiti:

  • Nicola Zingaretti: 1.035.955 persone pari a 66 per cento
  • Maurizio Martina: 345.318 voti, pari al 22 per cento
  • Roberto Giachetti: 188.355 persone, il 12 per cento
  •  schede bianche o nulle: 12.455

Sulla base di questi dati vi sarà la ripartizione dei seggi all’assemblea nazionale: 119 i delegati per Roberto Giachetti, 228 i delegati per Maurizio Martina, 653 delegati per Nicola Zingaretti.

I dati elettorali hanno però immediatamente insospettito molte persone, dal momento che le percentuali dei 3 candidati sono risultate tutte cifre tonde, senza decimali.

Era statisticamente “impossibile” che i voti in numeri assoluti per tutti e 3 i candidati venissero tradotti in percentuali così nette. I numeri sembrano più frutto di una spartizione “a tavolino”, vista la perfezione del risultato.

In molti, tra cui il giornale Open, hanno avanzato sospetti sulla legittimità di tali risultati.

Effettuando un’elementare proporzione sui risultati, tendendo conto che hanno votato 1.569.628 persone, risulterebbe infatti:

  • Zingaretti:  1.569.628 : 100 = 1.035.955 : x —– x = 66,0000331% (dato ufficiale: 66%)

  • Martina: 1.569.628 : 100 = 345.318 : x —– x = 21,9999898% (dato ufficiale: 22%)

  • Giachetti: 1.569.628 : 100 = 188.355 : x —– x = 11,9999771% (dato ufficiale: 12%)Come si può notare, le percentuali si avvicinano tutte al numero tondo, anche considerando le cifre significative dopo la virgola. Non si tratta di arrotondamenti o approssimazioni, ma i numeri dei voti ricevuti dai tre candidati sembrano essere perfettamente distribuiti intorno al risultato percentuale tondo.

Il partito democratico, contattato per delucidazioni sugli “strani” risultati, non ha fornito al momento risposte sul caso.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI