Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Gonne troppo “mini”: parroco paragona le cosce delle ragazze a quelle del prosciutto San Daniele

Immagine di copertina

Il vicario parrocchiale di Resia, comune in provincia di Bolzano, si scaglia contro le gonne troppo "mini" delle parrocchiane

A San Daniele le cosce di prosciutto soffrono il mercato, ma nel comune di Resia (in provincia di Bolzano), “altri tipi di cosce non conosce ombra di crisi”. E si riferisce a quelle delle ragazze, don Alberto Zanier, 30enne vicario parrocchiale, che, su un foglietto distribuito in chiesa, si lancia in una accesa critica delle gonne troppo “mini” delle adolescenti del paese, poco più di mille anime al confine con l’Austria.

“Pochi giorni fa abbiamo assistito a una bella carrellata di cosce ben in vista”, scrive il parroco. “Ma, ahimè, non di prosciutto San Daniele DOP: magari! Ma suadenti e sinuose cosce femminili che facevano la loro bella comparsa dal di sotto di mini (troppo mini) gonne di baldanzose adolescenti nel pieno della loro esuberanza”, si legge ancora.

Un attacco alle giovani del paese perché si tratterebbe di “una mancanza di rispetto sotto tre aspetti”, spiega don Alberto, che snocciola i tre nodi della questione. Le minigonne troppo mini sono una mancanza di rispetto per le donne, innanzitutto.

“Viviamo in una società così ipocrita che se da un lato condanna il femminicidio, dall’altro esalta la donna come merce di uso e consumo”, scrive il vicario parrocchiale, che si domanda che fine abbiano fatto “la purezza, il candore, la bellezza di una donna, di una madre, di una sposa”. Certe “scene hard” sono “lesive della dignità della donna stessa, che da un lato denuncia le molestie e dall’altro non si accorge di diventare merce essa stessa”, spiega il prete. Come se tra la denuncia di una molestia e il modo di vestirsi ci fosse un nesso.

Ma la mancanza di rispetto, rimprovera il prete, è anche verso gli altri: “Mostrare carne al vento a più non posso è una gravissima forma di maleducazione verso chi mi sta vicino perché potrei urtare la sua sensibilità o addirittura provocare la sua sessualità”, continua fermo don Alberto.

Il terzo punto spiega la mancanza di rispetto nei confronti del parroco. Presentarsi davanti a un prete vestite in un certo modo, scrive don Alberto, “è un insulto e una provocazione fatta al sacerdote”. Cosa ancora più grave, però, è la mancanza di rispetto nei confronti di Dio. “La chiesa non è una balera o una boudoir”. Ma la colpa non è mica delle ragazze, continua il parroco: “È delle mamme! Care mamme, quando le vostre figlie escono di casa vedete come vanno in giro? Vedete come vanno a Messa?”.

Leggi anche: Una messa stupefacente: marijuana al posto dell’incenso, parroco e fedeli in ospedale

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Proteste no green pass: annullato corteo a Trieste, erano attese 20mila persone
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%