Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Paolo Savona alla Consob: i tre motivi per cui la nomina è legittima, secondo il governo

Immagine di copertina

Il governo difende la sua scelta di nominare Paolo Savona, ministro degli Affari europei, presidente della Consob.

Le opposizioni avevano avanzato pesanti obiezioni sulla nomina, giudicata illegittima. Le questioni saranno valutate dalle commissioni Finanze di Camera e Senato, che poi daranno un parere non vincolante.

La Consob, Commissione nazionale per le società e la Borsa, istituita nel 1974 con la legge numero 216, è un’autorità amministrativa indipendente e si occupa della tutela degli investitori, dell’efficienza, della trasparenza e dello sviluppo del mercato mobiliare italiano, svolgendo funzione di vigilanza.

Ecco quali sono le 3 obiezioni e cosa risponde il governo:

La legge Madia

La legge Madia impedisce incarichi dirigenziali o direttivi a chi è in pensione, se non a titolo gratuito o comunque solo per un anno.

L’incarico Consob dura 7 anni e Paolo Savona è un pensionato. Il governo però risponde che la nomina è governativa e dunque non rientra nelle procedure relative alla Pubblica amministrazione.

La legge Frattini

Un’altra causa di incompatibilità si può ritrovare nella legge Frattini del 2004, che sancisce l’incompatibilità di “membri di governo con altri incarichi in enti di diritto pubblico”, per un anno dal termine dell’incarico di governo per evitare potenziali conflitti di interesse.

Il governo risponde che la Consob non ha a che fare con le materie di cui mentre era al governo si è occupato Paolo Savona, ovvero gli Affari europei.

Il conflitto di interessi

L’opposizione ha avanzato l’ipotesi di conflitto di interessi dal momento che Savona fino a maggio 2018 ha lavorato per il fondo di investimento Euklid, con base a Londra.

Euklid è soggetto vigilato da Consob. Savona si è dimesso dal fondo Euklid poche ore prima della formazione del governo giallo-verde. Il fondo di investimento Euklid è “il primo fondo hedge a coniugare blockchain e intelligenza artificiale, autorizzato dalla Financial service authority (la Consob londinese)”, come scrive il quotidiano economico Il Sole 24 ore.

Il governo sostiene però che Euklid è una società di diritto inglese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI