Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“La mafia non c’è più, il 27 festeggiamo”: il messaggio ironico di un imprenditore a cui è stata revocata la scorta

Immagine di copertina
Vincenzo Conticello

L'uomo aveva denunciato e fatto arrestare i suoi estorsori, motivo per cui gli era stata assegnata una scorta

“Siete tutti miei ospiti il 27 dicembre in piazza San Francesco a Palermo e in altre piazze italiane. La mafia non c’è più”. Questo il messaggio ironico mandato da Vincenzo Conticello, imprenditore dello street food d’autore di Palermo ed ex proprietario della Focacceria San Francesco.

L’uomo aveva denunciato e fatto arrestare i suoi estorsori, motivo per cui gli era stata assegnata una scorta. O almeno così è stato fino al 14 dicembre, giorno in cui il comandante del nucleo scorte di Roma gli ha comunicato la revoca della protezione.

In difesa dell’imprenditore si è schierato anche il presidente dell’Associazione nazionale testimoni di giustizia, Ignazio Cutrò, che ha lanciato un appello sui social diretto al capo del Viminale, Matteo Salvini.

“Resta tutta l’amarezza di essere stati spremuti come limoni e poi scartati una volta che abbiamo testimoniato in tribunale, traditi nella speranza che non saremmo mai stati lasciati soli, abbandonati a noi stessi e inesorabilmente soli, troppo soli per sopravvivere alle mafie come già accaduto in passato ad altri testimoni di giustizia”, ha scritto Cutrò, che rilancia l’appello di Vincenzo Conticello.

“Il nostro pensiero va a Rita Atria, Lea Garofalo, Maria Grazia Cacciola, Domenico Noviello. Lo Stato mette la testa sotto la sabbia per non vedere le macerie delle sue decisioni. Pensavamo di trovarci di fronte al governo del cambiamento mentre in realtà abbiamo a che fare con un governo che ha cambiato idea sui testimoni di giustizia”.

“Noi possiamo fare la differenza: incontriamoci il giorno 27 dicembre alla Focaccieria San Francesco per ridere di mafia e per non morir dal ridere quando lo Stato, prendendoci per il naso, ci racconta la favola, surreale, di una mafia definitivamente sconfitta. La revoca della scorta a Vincenzo Conticello non può che essere letta dai mafiosi ma anche dagli onesti cittadini come una resa dello Stato”.

In precedenza aveva fatto molto discutere la revoca della scorta a Sergio De Caprio, noto all’opinione pubblica come Capitano Ultimo, l’uomo che nel 1993 arrestò il boss Totò Riina e intervistato da TPI.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI