Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Giulio Regeni, il padre a Che tempo che fa: “Il procuratore del Cairo ci riporti i vestiti di nostro figlio”

Di Laura Melissari
Pubblicato il 18 Feb. 2019 alle 08:20 Aggiornato il 18 Feb. 2019 alle 08:20
0

Il padre di Giulio Regeni, ospite di Che Tempo Che fa, la trasmissione di Fabio Fazio, torna a fare un appello per il figlio, ucciso al Cairo nel 2016 e su cui non è ancora stata fatta chiarezza.

Claudio Regeni si è rivolto direttamente al procuratore del Cairo, chiedendogli di mantenere la sua promessa: “Nel 2016 abbiamo incontrato il procuratore generale del Cairo Nabil Ahmed Sadek a Roma. Guardandoci negli occhi ci aveva detto che avrebbe catturato tutti i responsabili del rapimento, tortura e uccisione di Giulio. Chiedo di mantenere quella promessa e di incontrarci di nuovo a Roma. Ci farebbe piacere riavere i vestiti che Giulio indossava quando lo hanno ritrovato”.

Il 25 gennaio scorso “abbiamo fatto un evento a Fiumicello e in altre 100 piazze. Vorremmo ringraziare le persone che ci stanno vicine con dedizione e rispetto negli ultimi 3 anni”, hanno detto Claudio e Paola Regeni su Rai 1.

Leggi anche: Fico a TPI nel 3° anno senza Regeni: “La verità vale più di ogni altro interesse; Al Sisi mi ha mentito, ora basta bugie”

“Il sindaco di Milano, Sala, si e’ fatto promotore di un appello che lancerà anche agli altri sindaci e che invieranno al premier Conte affinché le istituzioni rimangano al nostro fianco, perché lui fin dall’inizio ha detto che è l’avvocato degli italiani. Noi sentiamo che il governo vuole la verità”, proseguono.

“Noi fin da sempre abbiamo detto che non vogliamo finte verità e depistaggi, noi vogliamo sapere tutto quello che è successo per arrivare ad una verità processuale. Le indagini sono ad un punto morto, non ci sono corrispondenze dal fronte egiziano. Pignatone ha detto che siamo allo stallo”, dicono ancora i genitori del ricercatore morto ormai 3 anni fa.

“Noi non eravamo d’accordo con il ritorno dell’ambasciatore. È passato un anno e mezzo, tante cose sono state fatte in Egitto, ma sicuramente la verità non è stata trovata”. L’ambasciatore “aveva come mandato prioritario la ricerca della verità e della giustizia per Giulio. Per noi e’ tempo di richiamarlo per consultazioni. Abbiamo imparato questa terminologia. Il ritorno è stato fallimentare al massimo”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.