Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Giulio Regeni, il padre a Che tempo che fa: “Il procuratore del Cairo ci riporti i vestiti di nostro figlio”

Immagine di copertina

Il padre di Giulio Regeni, ospite di Che Tempo Che fa, la trasmissione di Fabio Fazio, torna a fare un appello per il figlio, ucciso al Cairo nel 2016 e su cui non è ancora stata fatta chiarezza.

Claudio Regeni si è rivolto direttamente al procuratore del Cairo, chiedendogli di mantenere la sua promessa: “Nel 2016 abbiamo incontrato il procuratore generale del Cairo Nabil Ahmed Sadek a Roma. Guardandoci negli occhi ci aveva detto che avrebbe catturato tutti i responsabili del rapimento, tortura e uccisione di Giulio. Chiedo di mantenere quella promessa e di incontrarci di nuovo a Roma. Ci farebbe piacere riavere i vestiti che Giulio indossava quando lo hanno ritrovato”.

Il 25 gennaio scorso “abbiamo fatto un evento a Fiumicello e in altre 100 piazze. Vorremmo ringraziare le persone che ci stanno vicine con dedizione e rispetto negli ultimi 3 anni”, hanno detto Claudio e Paola Regeni su Rai 1.

Leggi anche: Fico a TPI nel 3° anno senza Regeni: “La verità vale più di ogni altro interesse; Al Sisi mi ha mentito, ora basta bugie”

“Il sindaco di Milano, Sala, si e’ fatto promotore di un appello che lancerà anche agli altri sindaci e che invieranno al premier Conte affinché le istituzioni rimangano al nostro fianco, perché lui fin dall’inizio ha detto che è l’avvocato degli italiani. Noi sentiamo che il governo vuole la verità”, proseguono.

“Noi fin da sempre abbiamo detto che non vogliamo finte verità e depistaggi, noi vogliamo sapere tutto quello che è successo per arrivare ad una verità processuale. Le indagini sono ad un punto morto, non ci sono corrispondenze dal fronte egiziano. Pignatone ha detto che siamo allo stallo”, dicono ancora i genitori del ricercatore morto ormai 3 anni fa.

“Noi non eravamo d’accordo con il ritorno dell’ambasciatore. È passato un anno e mezzo, tante cose sono state fatte in Egitto, ma sicuramente la verità non è stata trovata”. L’ambasciatore “aveva come mandato prioritario la ricerca della verità e della giustizia per Giulio. Per noi e’ tempo di richiamarlo per consultazioni. Abbiamo imparato questa terminologia. Il ritorno è stato fallimentare al massimo”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI