Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Portavoce No Tav: “Deluso da 5 Stelle, sono pavidi e inesperti”

Immagine di copertina

I 5 Stelle continuano a perdere consenso nella Val di Susa dopo aver disatteso le aspettative degli abitanti della valle che si oppongono da anni alla realizzazione dell’Alta velocità.

A ribadirlo in un’intervista a Repubblica è stato Alberto Perino, storico portavoce del movimento No Tav, che si dice “deluso dai grillini pavidi e inesperti”.

Il problema, secondo Perino, non è nell’alleanza stretta dai 5 Stelle con la Lega: “Quell’alleato c’era anche quest’estate quando Toninelli scriveva di voler fermare i lavori. Se io so che ho le mani legate, se io so che non posso cambiare la testa dell’alleato, allora perché promettere?”.

L’esponente No Tav si scaglia ancora contro il ministro delle Infrastrutture: “Toninelli diceva che ‘qualunque avanzamento dei lavori del Tav sarebbe stato considerato un atto ostile’. Invece ha lasciato andare avanti gli appalti. E se li lasci andare avanti, allora significa che accetti che l’opera venga fatta”.

“Volevamo lo spoil system”, continua il portavoce. “Volevamo che cambiassero i vertici di Telt [società che ha in gestione i lavori per il tunnel, ndr] nominati dal governo italiano” con i 5 Stelle al Governo.

Una speranza disattesa, dato che l’architetto Mario Virano è rimasto al suo posto.

“Se andaste a leggervi bene lo statuto di Telt vedreste che l’Italia poteva farlo senza bisogno di portare nessuna giustificazione e non lo ha fatto”.

Qual è il problema dei 5 Stelle? “Non hanno le palle”, è la risposta di Perino, che punta il dito contro l’inesperienza dei candidati e dei deputati pentastellati, che a suo dire restano comunque “persone generalmente oneste”.

Secondo Perino uno dei problemi del Movimento è anche il limite di due mandati  imposto agli esponenti 5 Stelle: “È una regola che ha vantaggi e svantaggi. Va bene quando sei all’opposizione ma se devi governare devi mediare, e senza esperienza è più dura”.

Intanto si avvicinano le elezioni comunali in Val di Susa: “Io la campagna elettorale per loro non la faccio. Io li ho appoggiati perché credevo in un progetto che per vari motivi non ha preso forma. Anzi ne ha presa una diversa da quella che mi immaginavo”.

>> L’indecisione sulla Tav ha eliminato il Movimento 5 Stelle dalla Val di Susa

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI