Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Uccise la compagna dopo ‘tempesta emotiva’ da gelosia: tenta suicidio in carcere

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 8 Mar. 2019 alle 22:52 Aggiornato il 8 Mar. 2019 alle 22:57
0
Immagine di copertina

Michele Castaldo è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Ferrara, dopo aver tentato il suicidio in carcere.

L’uomo di 57 anni è reo confesso dell’omicidio della ex compagna Olga Matei, il caso aveva fatto discutere negli ultimi giorni per il dimezzamento della pena in appello con una sentenza che ha concesso le attenuanti anche per la ‘tempesta emotiva’ determinata dalla gelosia.

Michele Castaldo si trovava in carcere quando ha tentato il suicidio, pare con una sostanza tossica.

È quanto si apprende dalla pagina Facebook ufficiale della trasmissione televisiva Quarto Grado. Nel post si legge che il suo avvocato Monica Castiglioni aveva ricevuto una lettera nella mattina di venerdì 8 marzo dal suo assistito nella quale l’uomo aveva annunciato l’intenzione di volersi uccidere.

Leggi anche: L’hanno chiamata “tempesta emotiva”, è solo l’ennesima nefandezza dell’Italia patriarcale

Leggi anche: Uccise la compagna, il tribunale dimezza la pena: era in preda a “tempesta emotiva” da gelosia

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.