Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Caos della metro a Roma, proposto un bonus pur di far tornare i responsabili delle scale mobili

Immagine di copertina

La metro di Roma è nel caos. Tre fermate della stessa linea sono state chiuse, le scale mobili si accartocciano, addirittura Papa Francesco durante i suoi Angelus parla del disastro dei trasporti pubblici romani.

L’ultima emergenza sono le scale mobili delle fermate Barberini, Repubblica e Spagna che, essendo pericolanti, hanno bloccato le fermate in attesa di una manutenzione. Serve una manutenzione continua, ma i lavoratori che se ne occupano non bastano.

Le fermate sono state scenari di gravi incidenti: il primo a Repubblica, dove il crollo di una scala mobile, il 23 ottobre 2018, ha causato 24 feriti, quasi tutti tifosi russi del Cska di Mosca arrivati a Roma per la Champions League. Il secondo giovedì 21 marzo a Barberini, con la scala mobile che si è accartocciata sotto i piedi dei passeggeri, fortunatamente senza feriti.

È stato quindi raggiunto un accordo per far tornare al lavoro i 10 responsabili della manutenzione delle scale mobili Atac che in blocco hanno lasciato l’incarico. Per quest’anno l’azienda capitolina dei trasporti pagherà un bonus di 1.500 euro per convincere i tecnici a provvedere da soli ad un’assicurazione che li copra di fronte ad eventuali responsabilità per guasti alle scale mobili.

Sempre l’azienda corrisponderà anche 3.200 euro come compenso per la richiesta reperibilità h24. A stringere l’accordo con Atac sono stati finora Cgil, Cisl, Uil e Ugl, ma dovrebbero aggiungersi anche altri sindacati. L’intesa naturalmente non è ad personam per i 10 che hanno rimesso l’incarico, ma per le figure professionali che rappresentano.

La speranza è che questi bonus convincano i 10 tecnici a tornare sui loro passi, senza lasciare completamente sguarnite le stazioni metropolitane adesso che l’appalto a Metro Roma Scarl è stato revocato.

In caso contrario, ad Atac non resterà altro che cercare nuove candidature su base volontaria,

> Panico nella metro di Roma: due donne sono rimaste ferite e sono state accompagnate in ospedale

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI