Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“ASL di Roma chiede ai nostri medici di negare il metadone ai tossicodipendenti: pericolo aumento casi overdose”. La denuncia di Villa Maraini

Immagine di copertina

“È paradossale che in un momento storico in cui c’è un provato aumento del consumo di droghe anche tra i giovanissimi, con un ritorno dell’eroina e l’avvento delle nuove sostanze come il Fentanyl, la ASL invece di incentivare e premiare l’operatività di Villa Maraini, ne ostacoli l’azione, imponendo una riduzione di somministrazioni di metadone, farmaco necessario a stabilizzare il paziente eroinomane”, così parla Massimo Barra fondatore di Villa Maraini, che esplicita le sue preoccupazioni sulle ultime disposizione della ASL Roma 3 pervenute all’indirizzo della famosa fondazione per l’assistenza dei tossicomani.

Come raccontano da Villa Maraini: “Ci è arrivata una richiesta dalla ASL Roma 3 secondo la quale i medici della Fondazione dovrebbero disattendere la legge Nazionale Antidroga D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309 e successive modificazioni evitando, per esempio, di somministrare metadone a quanti, magari per la prima volta, decidono di rivolgersi ad un centro antidroga per provare la terapia sostitutiva metadonica, invece di ricorrere all’eroina fornita dallo spacciatore.

“Il medico, secondo quanto scritto dalla ASL, dovrebbe negare la somministrazione al tossicodipendente perché ‘ancora non preso in carico da un SER.D. di zona’”.

“Conseguenza? Il tossicodipendente, vista l’impossibilità di ottenere il farmaco, magari in preda ai dolori dell’astinenza, andrà a cercare la droga dallo spacciatore per sentirsi ‘meglio’, con il rischio di morire di overdose”, spiegano da Villa Maraini.

“Forse non tutti sanno che la legge nazionale 309/90, mai applicata nella Regione Lazio, invece prevede la “libera scelta di ogni singolo utente di decidere dove curarsi” e “che debba trovare il centro antidroga aperto perché il  “servizio deve svolgere la sua attività nell’arco completo delle 24 ore” prosegue Massimo Barra.

Villa Maraini è aperta 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, e cura ogni giorno, solo nel suo ambulatorio medico, circa 300 persone, sopperendo, fino ad ora, alle mancanze dei Ser.D., che non offrono il servizio h24.

“La cosa paradossale è che in Italia chiunque di noi può scegliere dove curarsi, tranne i tossicodipendenti e i malati di mente”  prosegue Massimo Barra.

“È assurdo che nonostante in tutto il mondo si vada nella direzione di aumentare l’offerta di servizi di cura per i tossicodipendenti, la ASL ci chieda di disapplicarela legge nazionale e di ridurre le somministrazioni di terapie”.

Dalla fondazione annunciano che venerdì 5 aprile si terrà una manifestazione davanti ai locali della ASL Roma 3 a Casal Bernocchi per rivendicare il diritto dei tossicodipendenti ad essere curati h24: “Sappiamo che si sta riscrivendo un regolamento regionale che potrebbe limitare la nostra azione, Villa Maraini è un’eccellenza italiana che va premiata non vessata e taglieggiata” conclude Massimo Barra.

Leggi anche: “Ho scelto l’eroina per amore”: la storia di Luca, 14 anni di tossicodipendenza

L’eroina in Italia

consumatori di eroina in Italia nel 2016 risultano essere 280mila, contro i 595mila utilizzatori di altre sostanze come ecstasy, LSD, anfetamine. Cifre ben distanti dai 6,2 milioni di consumatori di cannabis e il milione di consumatori di cocaina. I consumatori di eroina nel 2015 erano stati stimati in 205mila.

“Dopo gli anni Settanta, sembrava che il fenomeno dell’eroina fosse in via di esaurimento, perché 1/3 delle persone erano morte, 1/3 se la faceva ancora, 1/3 invecchiava. In questo quadro si è inserita la cocaina come fatto nuovo, molti hanno detto che l’eroina era scomparsa, ma l’eroina non è mai scomparsa”. 

Massimo Barra è uno dei massimi esperti mondiali sulle tossicodipendenze, fa parte della Standing Commission IFRC, è stato uno dei primi medici a prendersi cura dei tossicomani in Italia. Nel 1976 ha fondato Villa Maraini a Roma, Fondazione per l’assistenza dei tossicomani che ha diretto per più di 30 anni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI