Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Addio a Massimo Bordin: ecco chi era lo storico giornalista di Radio Radicale

Immagine di copertina

MASSIMO BORDIN CHI ERA – Se n’è andato il 17 aprile 2019, ad appena 67 anni, Massimo Bordin, la voce di Radio Radicale. Giornalista, conduttore e direttore della testata, era malato da tempo.

A dare l’annuncio è stato per primo l’attuale direttore di Radio Radicale, Alessio Falconio, che ha comunicato la triste notizia in diretta.

Ma ecco chi era Massimo Bordin.

Massimo Bordin chi era | Carriera

Nato a Roma il 18 agosto del 1951, Bordin era soprattutto la “voce” di Radio Radicale, per via della sua rassegna stampa con cui approfondiva ogni mattina le notizie dall’Italia e dal mondo. Un appuntamento fisso per iniziare la giornata per molti italiani, che da anni si collegavamo quotidianamente su Radio Radicale per ascoltarlo.

Dell’emittente radiofonica, Bordin è stato anche direttore dal 1991 al 2010, per poi curare la storica rubrica Stampa e Regime, in onda dal lunedì al venerdì. Nel 2010 Bordin annuncia le sue dimissioni dalla direzione della radio per incompatibilità con il suo editore di riferimento, Marco Pannella, pur continuando anche dopo a lavorare per quella testata.

Pur essendo da tempo malato ai polmoni, Bordin ha condotto la sua rassegna radiofonica mattutina fino allo scorso 1 aprile. Da anni il giornalista collaborava anche con il quotidiano Il Foglio, curando la rubrica “Bordin Line”.

Muore a Roma il 17 aprile 2019. L’annuncio in diretta su Radio Radicale: “È morto poco fa a Roma Massimo Bordin, è davvero con immenso dolore che diamo questa comunicazione che non avremmo mai voluto dare”, ha detto il direttore Alessio Falconio.

“Era malato da tempo – ha aggiunto il conduttore – e aveva chiesto di poter vivere e lottare contro questa malattia nel massimo riserbo, e noi abbiamo rispettato la sua scelta. Ma non ce l’ha fatta, poco fa siamo stati raggiunti dalla notizia. Ricorderemo il nostro Massimo e lo onoriamo con quel Requiem che tante volte ha preceduto la sua unica e splendida rassegna stampa”.

Poi al posto del normale palinsesto è stato trasmesso il Requiem di Mozart.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI