Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Foligno, maestro a un alunno nero: “Bambini guardate quanto è brutto”, il docente si difende: “Esperimento sociale”

Di Laura Melissari
Pubblicato il 21 Feb. 2019 alle 14:08 Aggiornato il 22 Feb. 2019 alle 18:50
0
Immagine di copertina

A Foligno un maestro ha mandato in un angolo un bambino nero, dicendo ai compagni quanto fosse brutto per essere guardato in viso.

L’episodio si è verificato in una scuola elementare del comune umbro, nel quartiere Monte Corvino, e ha scatenando l’indignazione dei genitori della classe.

I genitori si sono immediatamente rivolti a un avvocato. L’episodio si è addirittura ripetuto una seconda volta con la sorellina maggiore del bambino.

“Ma che brutto che è questo bambino nero! Bambini, non trovate anche voi che sia proprio brutto? Girati, così non ti devo guardare”, avrebbe detto il maestro, secondo quanto hanno raccontato i bambini ai loro genitori.

Il maestro ha disegnato un segno sulla finestra, costringendo il bambino a girarsi di spalle alla classe.

“Stiamo facendo tutte le verifiche del caso, che è esploso ieri dopo un post pubblicato su Facebook in cui si raccontava la vicenda”, ha spiegato il sindaco di Foligno, Nando Mismetti.

La dirigente scolastica Marconi ha confermato quanto accaduto. “Ho informato il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, ritengo molto grave quello che è emerso e preferisco non fare ulteriori dichiarazioni perché non voglio inficiare un’indagine interna che deve essere rigorosa ed efficace”, ha detto.

Il maestro si è giustificato dicendo che si trattava di un esperimento sociale. La sua intenzione sarebbe stata quella di mostrare ai bambini quanto fosse ingiusto un comportamento razzista.

Il risultato però non è stato quello desiderato, scatenando piuttosto l’indignazione generale.

Nella tarda serata del 21 febbraio 2019 è arrivata la notizia che il maestro verrà sospeso in via cautelare.

Leggi anche: Il maestro di Foligno ricoperto di insulti social: “Dici che era un esperimento sociale contro il razzismo, ma guarda cosa pubblicavi”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.