Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

No, criticare Lino Banfi all’Unesco non è da radical chic, né da rosiconi

Immagine di copertina

Non ci serve il maalox, non vogliamo essere chiamati pidioti, non vogliamo i sorrisetti di compiacenza dei ministri. Vogliamo solo poter dire che Lino Banfi, molto divertente quando interpreta Oronzo Canà o Nonno Libero, alla Commissione dell’Unesco è una grandissima scemenza.

E che la cultura, se non c’è un comico 82enne alla commissione Unesco, non è per forza triste, come invece ha scritto oggi Massimo Gramellini.

Vogliamo chi? Tutti quelli che ogni volta che esprimono una opinione che si allontana dalla frase: “il popolo ha sempre ragione” vengono tacciati di radicalscicchismo.

Abbiamo ormai preso coscienza da mesi che chi ha studiato, chi ha una cultura leggermente sopra la media, e chi è orgoglioso di questo, viene schifato. I plurilaureati, per carità, sono il male del mondo.

E i medici che hanno studiato e si permettono di mettersi su un gradino più alto, in virtù di qualche competenza in più? Che sacrilegio. Venduti, schiavi delle multinazionali del farmaco, saccenti. Il grillismo è la summa di tutto questo, niente di nuovo sotto il sole.

La nomina di Lino Banfi ieri però ha mandato in scena un teatrino triste e svilente. Tralasciamo per un attimo il merito della questione: un attore comico pugliese, grandioso nel suo campo di competenza, che viene messo dal governo a “fornire pareri e raccomandazioni al Governo e alle pubbliche amministrazioni sull’elaborazione e valutazione dei programmi Unesco”, per citare solo uno dei compiti.

Leggi anche: Cosa andrà a fare concretamente Lino Banfi all’Unesco

Tralasciamo anche il fatto che, “ma che raccomandazioni Lino Banfi potrà mai fornire al governo sui programmi Unesco”, il punto è: perché chi lo ha criticato è stato additato di essere triste, di non “sapersi fare una risata”, di non capire che una ventata di allegria e sorrisoni è ciò che ci vuole in una grigia istituzione come l’Unesco?

Dopo le elezioni del 4 marzo l’ironia amara di chi ha criticato le scelte del governo giallo-verde, e di motivi ce ne sono stati innumerevoli, è stata additata di radicalscicchismo, di scollamento dal paese reale, di guardare con saccenza al “popolo”.

Leggi anche: Lino Banfi all’Unesco, le reazioni ironiche sui social. Salvini: “E Jerry Calà?”

Ma dire con una certa convinzione che Lino Banfi all’Unesco è come Schettino all’organizzazione marittima internazionale, non è saccenza. Non è atteggiarsi a intellettualone di sinistra, che schifa chi non ha una laurea. Semplicemente, chi ha una laurea faccia quello in cui è bravo, e chi non ha una laurea faccia quello in cui è bravo.

La questione è molto semplice, senza dover per forza rimandare a una retorica di classi contrapposte. Delle élite, brutte e cattive, contro il popolo, illuminato per definizione.

“Basta con tutti questi plurilaureati”, ha detto Banfi dopo l’annuncio alla festa del Movimento Cinque Stelle. “Porterò un sorriso e proporrò i nonni patrimonio dell’umanità”. Eh già, proprio quello che serve.

In un altro commento avevamo scritto: “Il messaggio è chiaro: tutti possono fare tutto, soprattutto chi non ha mai fatto nulla. È un messaggio pericoloso e distruttivo. Quando per rimediare ai disastri dell’uomo qualunque bisognerà tornare indietro e rimettere al centro persone valide e competenti, in molti grideranno al sopruso, al ritorno delle élite contro il popolo”.

Leggi anche: Lino Banfi all’Unesco è la conferma che in Italia il merito non conta niente

A un certo punto della storia italiana, il termine populismo è diventato sinonimo di saper “ascoltare il popolo”, invece che “parlare alla sua pancia”. E Lino Banfi all’Unesco ne è la dimostrazione. Esaltare le qualità del popolo, anche quando queste non ci sono.

Quello che viene da chiedersi è: perché da un lato si critica (demolisce sarebbe più corretto) un cantante che prende posizioni su temi di attualità, e invece si tollera un comico che viene inserito in una commissione che, con tutto il rispetto e l’affetto, non c’azzecca nulla? Perché sempre “due pesi e due misure” per trascinare l’acqua al proprio mulino?

Leggi anche: Chi l’ha deciso che un cantante debba “solo” cantare? Gli insulti a Baglioni sono il riassunto perfetto dell’anno peggiore della storia d’Italia

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI