Reddito di cittadinanza, la gravissima gaffe del presidente dell’Anpal sui navigator censurata dal video della Camera

Di Laura Melissari
Pubblicato il 8 Mar. 2019 alle 12:13
0
Immagine di copertina

Il presidente dell’Anpal, l’Agenzia nazionale politiche attive del lavoro, Mimmo Parisi, è intervenuto alla Camera per rispondere alle domande sui navigator, i tutor che dovranno seguire i beneficiari del reddito di cittadinanza.

La sua gaffe, in occasione dell’audizione davanti alle Commissioni riunite Lavoro e Affari sociali, nell’ambito dell’esame del disegno di legge sul reddito di cittadinanza, è stata però cancellata dal video ufficiale, scatenando le reazioni furiose dell’opposizione.

Un deputato di Forza Italia, Paolo Zangrillo, provoca Parisi sui navigator precari, dicendo: “Ho come il sospetto che non appena incrociano un’offerta di lavoro se la prendono loro”. Il deputato allude al fatto che gli stessi navigator che dovranno trovare un lavoro ai disoccupati, saranno essi stessi precari, avendo un contratto di collaborazione di soli due anni.

La risposta di Parisi lascia però sbigottiti: “Il navigator trova lavoro? Magari! Così li stabilizziamo tutti. Sarebbe un piano eccellente”. Il tema dell’assunzione dei navigator è più delicato che mai, dal momento che è al centro di un’accesa polemica tra regioni e governo.

Ad accorgersene sono stati i deputati del Pd della Commissione Lavoro, che hanno protestato chiedendo di rimettere il video senza la censura. La Camera ha provveduto a ripristinare il filmato dell’audizione senza tagli.

Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera, ha commentato dicendo che si è trattato di “un fatto gravissimo”.

Qui il video integrale:

Leggi anche: L’assurda storia di Valeria: “Anpal non mi rinnova il contratto per il decreto Dignità, però loro pensano ad assumere navigator”

Leggi anche: Come si diventa navigator? Concorso 2019: bando, requisiti e stipendio

Leggi anche: Navigator: attesi 60mila candidati, ecco in cosa consisterà la prova di selezione

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.