Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Fabio Fazio usa Saviano per manipolare l’informazione, ora basta”

Immagine di copertina
Fabio Fazio e Roberto Saviano

L'attacco arriva da Federico Mollicone, capogruppo di FdI in Commissione di Vigilanza Rai

Non solo Lega e Movimento Cinque Stelle. Stavolta a mettere nel mirino Fabio Fazio è un partito di opposizione, ovvero Fratelli d’Italia.

Federico Mollicone, capogruppo di FdI in Commissione di Vigilanza Rai, si scaglia contro il conduttore di Che tempo che fail quale a suo parere opera “un sistematico condizionamento culturale e politico dell’informazione attraverso monologhi senza possibilità di contraddittorio permessi a intellettuali schierati ideologicamente, come ad esempio è successo con le numerose ospitate di Roberto Saviano”.

Un attacco frontale. Mollicone chiede l’intervento immediato dell’Agcom, che “sta già vigilando sul rispetto del pluralismo, è importante che il tema vada allargato a tutti i contenuti informativi e di intrattenimento”.

“Non basta difatti vigilare sulla parità di trattamento fra soggetti politici, se poi a molti intellettuali, giornalisti e ‘influencer”‘, che pur non facendo parte di un partito rappresentano chiaramente uno schieramento politico, viene dato tutto questo spazio”, affonda il colpo l’esponente del partito di Giorgia Meloni.

“La trasmissione di Fabio Fazio – conclude – è quella che presenta la maggiore criticità sul tema del pluralismo per il palese squilibrio nella scelta degli ospiti che appartengono ad un’unica area culturale e politica”.

Fratelli d’Italia si allinea insomma a Lega e Movimento Cinque Stelle, che da tempo stanno facendo pressioni sulla Rai, in particolare sulla nuova dirigenza, affinché limiti gli spazi del conduttore in Rai.

Diverse ipotesi sono circolate negli ultimi mesi: lo spostamento di Che tempo che fa su Rai Tre, il passaggio di Fazio ad altre emittenti, in particolare La7 e Discovery.

Di sicuro è in corso una trattativa per ridimensionare lo stipendio del conduttore, altro tema oggetto di continue polemiche con i partiti di governo.

A Fazio è stata proposta una riduzione del compenso. Il conduttore, dal canto suo, ha sempre detto di essere disposto a ridiscutere il suo stipendio.

Il tutto, ovviamente, purché la cosa non rappresenti una “punizione” di Lega e M5s con il beneplacito della dirigenza di Viale Mazzini.

Fazio, dal canto suo, ha chiarito che non intende muoversi dalla Rai: “Io sto qua due anni, non mi muovo”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI