Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Diciotti, quando i 5 Stelle volevano abolire l’immunità parlamentare

Il Movimento 5 Stelle in passato si era sempre espresso contro l'immunità parlamentare, ma il caso Diciotti sta mettendo in crisi la linea pentastellata

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 31 Gen. 2019 alle 12:32
0
Immagine di copertina

Il 30 gennaio è iniziato l’iter alla Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato per decidere sul rinvio a giudizio del ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Il governo è spaccato tra la Lega, che è pronta a votare contro l’avvio di un processo contro il proprio leader, e i 5 Stelle, che propendono per votare invece a favore anche se la posizione dei pentastellati non è ancora del tutto chiara.

In realtà il Movimento avrebbe dovuto presentarsi fin da subito compatto a favore dell’autorizzazione a procedere, dato che uno dei loro cavalli di battaglia è sempre stata la revoca dell’immunità parlamentare.

Leggi anche: Salvini e il caso Diciotti: 8 domande e risposte per fare chiarezza

Come scriveva lo stesso Luigi Di Maio nel 2014, la misura è “sempre stata uno scudo per la politica” e aveva promesso di non usare questo tipo di protezione.

Alla prova dei fatti però la linea dura del Movimento inizia a vacillare: Di Maio deve decidere se continuare a rispettare il principio legalitario secondo cui tutti, anche i parlamentari, devono farsi processare come i comuni cittadini, o sostenere il suo alleato di governo.

La speranza iniziale dei 5 Stelle era che Salvini rinunciasse all’immunità, come da lui stesso affermato in principio, ma non è andata così: il ministro infatti ha cambiato idea, come ha spiegato in una lettera al Corriere della Sera.

Il leader della Lega nella sua missiva ha chiesto ai senatori di negare l’autorizzazione a procedere nei suoi confronti, abbandonando la linea dell’Io non mollo: “Dopo aver riflettuto a lungo su tutta la vicenda, ritengo che l’autorizzazione a procedere debba essere negata”.

Leggi anche: Salvini ora vuole l’immunità. Da “Capitano” a “Capitan Coniglio” il passo è breve

Salvini ha lasciato ai 5Stelle la facoltà di votare “con coscienza” perché “non ho bisogno di aiutini nascosti”, ma si è chiesto: “Ma è normale che un ministro dell’Interno, con l’appoggio di tutto il governo, venga processato per aver fatto quello che ha promesso in campagna elettorale?”.

Nei prossimi giorni si vedrà se il Movimento resterà o meno fedele ai suoi valori o se li sacrificherà in nome della Realpolitik.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.