Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Di Maio “perdona” Fazio: il vicepremier a Che Tempo Che Fa per due volte in poche settimane

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 13 Apr. 2019 alle 20:28 Aggiornato il 13 Apr. 2019 alle 20:34
0
Immagine di copertina

Sembrano lontani i tempi in cui Fabio Fazio, l’amatissimo conduttore di Che Tempo Che Fa su Rai 1, veniva considerato il nemico numero uno della maggioranza giallo-verde. O meglio, oggi sembra non essere più così almeno per una delle due colonne del governo, quella rappresentata dal Movimento Cinque Stelle e soprattutto da Luigi Di Maio.

Se solo a fine 2018, infatti, il leader del M5s definiva Fazio “un caso” in commissione parlamentare di vigilanza Rai, oggi i contrasti tra i due sembrano essersi appianati. La dimostrazione? Il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico è stato ospite di Che Tempo Che Fa domenica 7 aprile. E adesso, sembra che Di Maio sarà presente anche nella puntata del 19 maggio, a sette giorni esatti dalle elezioni europee.

Fabio Fazio verso Rai 2? Freccero: “Mi piacerebbe molto riprendermelo”

In questo modo, Di Maio sarà anche l’unico politico a tornare per due volte nel giro di un mese in una delle trasmissioni più viste della nostra televisione. Una condizione di vantaggio non da poco nei confronti di tutti gli altri partiti, in vista di un appuntamento elettorale così importante come quello del 26 maggio.

La presenza di Di Maio nel programma di Fazio è stata confermata anche dal calendario, presentato alla commissione di vigilanza, delle presenze degli esponenti politici nelle trasmissioni di Fabio Fazio e di Lucia Annunziata (Mezz’ora in più). Presenze che rientrano nell’ambito dei “programmi di informazione il cui format non prevede il contraddittorio in condizioni di effettiva parità”.

Stando invece agli altri politici previsti nel programma, il 28 aprile Fazio ospiterà un esponente di Forza Italia, mentre il 5 maggio uno della Lega (chissà se sarà proprio Matteo Salvini). Una settimana dopo toccherà al Pd, prima di Luigi Di Maio. Che, al contrario dei suoi avversari, si siederà sulla poltrona di Rai 1 per la seconda volta in pochissimo tempo.

Ora il governo vuole punire Fabio Fazio: stipendio troppo alto e “poco allineato”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.