Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Cyberspionaggio, i fratelli Occhionero condannati per accesso abusivo a sistemi informatici

Immagine di copertina
Giulio e Francesca Occhionero

Giulio e Francesca Maria Occhionero sono stati condannati rispettivamente a 5 e 4 anni di reclusione. Spiavano le mail di istituzioni politiche, partiti ed enti pubblici

I fratelli Occhionero, Giulio e Francesca Maria, sono stati condannati rispettivamente a 5 e 4 anni di reclusione per accesso abusivo a un sistema informatico dal tribunale di Roma.

I due erano stati arrestati il 9 gennaio del 2017 per una presunta attività di cyberspionaggio nei confronti di caselle di posta elettronica appartenenti a professionisti del settore giuridico-economico, a esponenti della politica o riconducibili ad Enti pubblici.

Tra gli obiettivi attribuiti agli Occhionero – secondo l’originaria ipotesi accusatoria – figurano i pc di grandi aziende e di istituzioni politiche come Camera, Senato, ministeri di Esteri e Giustizia, Partito Democratico, Finmeccanica, Bankitalia, Comune di Roma ed Enav.

I fratelli avrebbero tentato di violare anche le mail dell’ex premier Matteo Renzi, del presidente della Bce Mario Draghi e dell’ex premier Mario Monti.

Oltre alla pena della reclusione, Giulio Occhionero è stato dichiarato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici e in stato di interdizione legale per la durata della pena.

La sorella, invece, è stata interdetta dai pubblici uffici per cinque anni. I due fratelli sono stati condannati al risarcimento dei danni da liquidarsi in separata sede alle parti civili costituite.

Secondo l’agenzia Agi, alla lettura del dispositivo della sentenza, i due fratelli, presenti in aula, non hanno detto una parola. “Non è giusto”, ha detto invece la madre.

Cosa ha accertato l’indagine

Nell’udienza dello scorso 10 aprile, il pm Eugenio Albamonte aveva chiesto pene più severe per i due imputati: 9 anni per Giulio Occhionero e 7 anni per Francesca Maria.

Il pubblico ministero aveva parlato di “quadro probatorio consolidato”, confermato in sede di riesame e poi anche successivamente dall’esito delle intercettazioni telefoniche, e aveva fatto riferimento a migliaia di “file esfiltrati tramite virus e nascosti in sotto cartelle”.

I dati carpiti sarebbero poi finiti in alcuni server americani gestiti dall’ingegnere nucleare in cui gli inquirenti del Cnaipic, servizio specializzato interno alla Polizia Postale, hanno recuperato oltre 3 milioni di mail intercettate.

Le condanne dei due fratelli sono state diverse perché Giulio Occhionero avrebbe concepito e ipotizzato l’intero sistema illecito, lo avrebbe realizzato e mantenuto nel tempo. Meno grave il ruolo della sorella che non ha preso parte alla fase ideativa del progetto “ma sicuramente – era il punto di vista dell’accusa – ha concorso nell’attività di accesso abusivo e acquisizione dati”.

Leggi anche: Come si vive nel carcere di Rebibbia, accusati di aver spiato i politici italiani. La testimonianza di Francesca Occhionero
Leggi anche: Cosa c’entra la massoneria con il cyberspionaggio di Occhionero?
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI